Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
14 giu 2022

L’identikit dell’arcivescovo dei miei sogni

14 giu 2022
don vincenzo
Cronaca

Don Vincenzo

Arnone

In merito al nuovo Arcivescovo di Firenze, anziché fare nomi che verrebbero sopravvalutati o sottovalutati, preferirei tentarne una sorta di identikit. Sogno un prossimo arcivescovo che abbia una grande personalità morale, spirituale, teologica, biblica, culturale, che preghi molto, che abbia in altri termini l’aspetto, la stoffa e il cuore del “maestro”, del pastore. Un arcivescovo che abbia la piena coscienza del proprio ruolo; non sia troppo intellettuale né dedito solo a dare “le pacche sulle spalle”, non strisci terra-terra, ma si elevi e cerchi di elevare gli altri al di sopra di un qualunquismo imperante.

Il cardinale Giuseppe Betori dal 2008 fino ad oggi ha cercato di essere presente, vivo, attivo , è arrivato fino in fondo nei mille problemi che ha trovato, anche se il suo aspetto lo renderebbe più modesto e chiuso. Il suo successore dovrebbe continuare sulla stessa scia. Sogno un nuovo arcivescovo che abbia un grande amore per i suoi preti: stia loro vicino, li conosca, li consigli… perché in fondo, pur in mezzo a tante evoluzioni ecclesiastiche religiose sociali, la figura del prete è come la spina dorsale della diocesi. E’ pur vero che non ci sono (e nei fatti non ci possono essere) vescovi della levatura del cardinale Michele Pellegrino, di Carlo Maria Martini, di Anastasio Ballestrero perché “nessuno li vuole più, troppo alti, troppo grandi, troppo colti“, ma bisogna alzarsi dalla polvere della terra. La diocesi di Firenze ha un forte incrocio di città e campagna, di cittadinanza e ruralità; si va da piazza Duomo fino ai borghi sperduti nell’alto Mugello. Bisogna collegare e unire questi due aspetti che caratterizzano la comunità diocesana. Un arcivescovo che continui e rafforzi l’idea che Firenze non è una città-museo, ingessata, collocata dentro una nicchia, ma una città viva, con più problemi di quanto non si pensi. Un arcivescovo che abbia una giusta e santa “paura” nell’assumere tale incarico.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?