Foto di una coda in Fi-Pi-Li
Foto di una coda in Fi-Pi-Li

Firenze, 22 maggio 2019 - Avviato un piano di interventi da 26 milioni. Inizieranno il prossimo lunedì, 27 maggio, i lavori per la messa in sicurezza della strada di grande comunicazione Fi-Pi-Li nel tratto compreso tra gli svincoli di Montelupo e Ginestra Fiorentina.

Il cantiere sarà attivo per circa 8 mesi e comporterà la riduzione della carreggiata a una corsia per senso di marcia nel tratto interessato dai lavori. Grazie a questo intervento saranno sostituite le barriere laterali e il new jersey centrale con altri a norma, verrà rifatta la pavimentazione con asfalto drenante e fonoassorbente. Il piano di interventi straordinari è da circa 26 milioni di euro

Ecco alcuni degli interventi previsti.

- Ripristino della rampa di accesso di via Quaglierini, a Livorno: questo intervento ha un costo complessivo di 3,25 milioni, che sarà sostenuto dalla Regione, con un contributo provinciale di un milione. 

- messa in sicurezza del tratto Ginestra-Montelupo e successivamente del tratto Montelupo-Empoli est: il primo intervento riguarda il tratto di Fi-Pi-Li compreso tra il Km15+180 e il Km 19+375 (dallo svincolo di Ginestra Fiorentina allo svincolo di Montelupo Fiorentino), e prevede il rifacimento della pavimentazione stradale con asfalto drenate e fonoassorbente, della segnaletica orizzontale, la sostituzione di tutte le barriere di sicurezza spartitraffico e di parte di quelle laterali, la sostituzione delle barriere fonoassorbenti, il rifacimento della rete di drenaggio delle acque della piattaforma stradale, la posa di cavidotti per il futuro alloggiamento di infrastrutture informatiche (fibre ottiche, ecc).  La consegna dei lavori è avvenuta il 3 aprile. La prevista è di 380 giorni, ma l’impresa vincitrice della gara d’appalto si è impegnata a concludere il primo stralcio in 8 mesi (240 giorni). Non sono previsti lavori notturni, dato che non sarebbe stata comunque possibile la riapertura delle corsie durante il giorno. Durante l'esecuzione dei lavori si prevede di non interrompere la circolazione ma di lasciare una corsia per senso di marcia. A partire dal 27 maggio inizierà il restringimento della viabilità ad una corsia per senso di marcia nell’area interessata dai lavori. 
L’investimento complessivo è di 6,4 milioni di euro. 

Il secondo intervento riguarderà il tratto dal km 19+375 al km 22+ 078 (dallo svincolo di Montelupo a quello di Empoli est) . L'intervento ha un costo complessivo di 5,2 milioni di euro. Attualmente è in fase di appalto. 

- interventi di miglioramento generale dell’infrastruttura: l'investimento è di oltre 4 milioni e 600mila euro, dei quali più di un milione e 100mila euro derivati dalle multe per eccesso di velocità sulla Fi-Pi-Li stessa. Saranno effettuati manutenzione straordinaria del viadotto San Colombano nell'area fiorentina, l'adeguamento dei giunti delle barriere new jersey di vari viadotti nel tratto pisano e nel tratto livornese; l'intervento di manutenzione del ponte Mogadiscio di accesso al Porto di Livorno; l’asfaltatura di varie tratte; sostituzione dei giunti di appoggio di alcuni viadotti lungo l'intero tracciato; l’adeguamento della segnaletica. 

Oltre a questi grandi interventi, fanno parte degli investimenti previsti sulla Fi-Pi-Li: 

- la progettazione di un nuovo svincolo per Montopoli: grazie a 200 mila euro provenienti da sanzioni per eccessi di velocità, sarà finanziato il progetto preliminare di fattibilità tecnica ed economica per eliminare alcuni conflitti dei flussi di traffico, ritenuti pericolosi per la sicurezza dello svincolo di Montopoli. Con il progetto potrà anche essere avviato un confronto con Anas relativamente alle interferenze con la SS 67 Toscoromagnola. Nel frattempo la fruibilità dello svincolo sarà comunque migliorata grazie ad una nuova asfaltatura, per la quale è previsto un investimento di 91 mila euro .

- interventi di risanamento acustico nel comune di Scandicci dal Km 0 al Km 7+500 (per un importo di 5,6 milioni) e nel comune di San Miniato dal Km35+550 al Km33+819 (per un importo di 715mila euro). Le opere saranno finanzate grazie nel rispetto della graduatoria di priorità del Programma regionale di risanamento acustico delle Strade regionali, che prevede annualmente risorse regionali destinate a diminuire il rumore prodotto dalle strade regionali.