di Barbara Berti CAMPI BISENZIO "Era uscito per una passeggiata e ha trovato la morte. E non si sa nemmeno chi ‘ringraziare’, perché anche se fosse stato un animale ci si ferma a prestare soccorso". Rabbia e dolore nelle parole di Antonino Benigno, il fratello di Massimiliano, a Campi conosciuto da tutti come "Benigno", "quel ragazzo gentile e amichevole che se poi gli davi ‘l’eurino’ diceva sempre ‘sei un grande, ti voglio bene fratello’", ricordano in molti...

di Barbara Berti

CAMPI BISENZIO

"Era uscito per una passeggiata e ha trovato la morte. E non si sa nemmeno chi ‘ringraziare’, perché anche se fosse stato un animale ci si ferma a prestare soccorso". Rabbia e dolore nelle parole di Antonino Benigno, il fratello di Massimiliano, a Campi conosciuto da tutti come "Benigno", "quel ragazzo gentile e amichevole che se poi gli davi ‘l’eurino’ diceva sempre ‘sei un grande, ti voglio bene fratello’", ricordano in molti riferendosi al fatto che spesso stazionava davanti al supermercato Esselunga in attesa di qualche spicciolo e aveva sempre un sorriso da regalare a tutti. Il fratello non riesce a darsi pace. "Stamani (ieri, ndr) sono andato a casa da mia mamma, Massimiliano abitava con lei, mentre io vivo in via San Giusto - continua il fratello - e lei mi dice: tuo fratello è andato a letto ma ha lasciato la porta aperta, e la tv accesa’. Ma solitamente non fa queste cose". Poi è arrivata la telefonata dei carabinieri e il mondo gli è crollato addosso. "Non riesco a capire perché chi guidava non si è fermato, forse il conducente si è preso paura ma se ha una coscienza... Non so che dire, che pensare, so solo che sto soffrendo. Eravamo molto uniti, non ci dimostravamo grande affetto ma sapevamo di volerci bene". E a voler bene a Massi erano in tanti a Campi.

"Era una persona speciale" ricorda l’amico Fabrizio Fabrizi che è venuto a conoscenza della tragedia tramite i social. Su facebook, infatti, fin dalle prime ore del mattino di ieri, in tanti hanno speso parole per ricordarlo. "Era uno dei ‘personaggi’ di Campi", scrive il sindaco Emiliano Fossi aggiungendo "resta il vuoto dei sorrisi malinconici di Benigno, con il suo essere sempre allegro e gentile con tutti. La nostra comunità si stringe alla famiglia". L’assessore alla Sicurezza, Riccardo Nucciotti lo ricorda così: "Riposa in pace ragazzo, torneremo a brindare insieme un giorno. Ci mancherai, mancherai a tutti. Ti ho sempre visto con il sorriso in bocca nonostante le difficoltà. Campi non ti dimenticherà". Il consigliere comunale Lorenzo Ballerini soffermandosi sulle "sue risate e i saluti strascicati dall’altra parte della strada" punta l’attenzione sul mancato soccorso: "Mi sento triste, ma soprattutto sconvolto dall’idea di vivere in un mondo dove, dopo essere stati investiti, si rischia di restare abbandonati in mezzo alla strada senza ricevere soccorsi".