Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
21 giu 2022

"La scuola riaprirà, costi quel che costi"

Il sindaco rassicura sui lavori all’edificio di Caldine: "Non è in vendita, l’iter progettuale è lungo ma avviato"

21 giu 2022
Una recente protesta dei genitori
Una recente protesta dei genitori
Una recente protesta dei genitori
Una recente protesta dei genitori
Una recente protesta dei genitori
Una recente protesta dei genitori

Si conoscerà a breve la squadra di professionisti che si è aggiudicata il bando per progettare la riqualificazione della scuola dell’infanzia di Caldine. L’immobile, che è chiuso dall’anno scorso, deve essere ristrutturato completamente e messo a norma dal punto di vista statico; un lavoro importante, che non può essere fatto con le forze interne. Così il Comune ha deciso affidare all’esterno, dalla fase esecutiva a quella definitiva. I tempi lunghi che l’operazione sta comportando hanno però finito per alimentare i malumori dei genitori, che temono un ripensamento dell’amministrazione. Così in occasione dell’assemblea pubblica a Caldine, la questione è stata affrontata. "Il Comune non ha intenzione di vendere la scuola di Caldine, come ho sentito dire – ha assicurato il sindaco Anna Ravoni –. I tempi sono quelli che questo tipo di intervento richiedono. Stiamo rispettando il programma che ci siamo dati".

"Questa amministrazione crede nella territorialità della scuola dell’infanzia – ha aggiunto l’assessore Gian Marco Cecchini –. La scuola riaprirà. Nel frattempo il Comune garantirà un servizio di trasferimento gratuito per Fiesole, come abbiamo fatto quest’anno per 50 bambini".

Il sindaco ha rassicurato anche sulla copertura dei costi, oltre un milione di euro, che il Comune conta di coprire, almeno in parte, partecipando a bandi pubblici. Due quelli ai quali gli uffici comunali hanno presentato domanda. "Se poi i fondi dovessero ritardare, visto che quelli del Pnrr stanno arrivando a rilento e qualora nessuno dei bandi a cui abbiamo partecipato andasse a buon fine, siamo pronti – ha detto il sindaco – a prendere un mutuo. L’uscita dal piano di riequilibro ce lo permette. Perché, come già detto: la scuola di Caldine riaprirà".

Daniela Giovannetti

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?