La capitale del civismo. Liste toscane a confronto nella saletta di Cna

Scandicci diventa la capitale toscana del civismo con l'incontro di diverse liste civiche regionali per promuovere un cambiamento politico e un'alternativa alle polarizzazioni nazionali. L'obiettivo è migliorare le realtà comunali e aprire al confronto politico anche in vista delle prossime elezioni regionali.

La capitale del civismo. Liste toscane a confronto nella saletta di Cna

La capitale del civismo. Liste toscane a confronto nella saletta di Cna

Scandicci capitale toscana del civismo. Giovanni Bellosi (Scandicci civica) è riuscito nell’intento di mettere insieme in città un bel po’ di rappresentanti di liste civiche della regione: Alberto Andreoli di Pontedera, Giovanni Bellosi di Scandicci, Enrico Buoncompagni di Figline Valdarno, Federico D’Anniballe di Ponsacco, Vincenzo De Franco di Signa, Claudio Lucii di Poggibonsi, Filippo Pierini di Greve in Chianti e Andrea Poggianti di Empoli.

L’altra sera alla saletta Cna si sono incontrati per creare un momento di riflessione, sintesi e confronto tra le varie realtà cittadine, consolidando un percorso comune di cambiamento e innovazione politica. In una fase nella quale la politica nazionale è tornata a essere polarizzata come negli anni ’50 e ’70, la proposta civica vuole provare a essere un’alternativa. E non è un caso che sono in molti da destra e da sinistra in vista delle regionali del prossimo anno, a guardare con interesse questo laboratorio politico, il primo su un’area così vasta.

"L’obiettivo principale delle liste civiche – ha detto Bellosi – rimane il miglioramento delle realtà comunali, attraverso soluzioni specifiche e concrete, rappresentando la vera alternativa concreta ai partiti tradizionali, ciò non esclude un’eventuale posizione in vista delle prossime elezioni regionali, senza nessun tipo di preclusione. Le liste civiche sono aperte al confronto politico".