Quotidiano Nazionale logo
17 gen 2022

Firenze, insulti dei no vax alle mamme dei bimbi portati alla vaccinazione a scuola

Accade all'ingresso dell'Istituto comprensivo Barsanti, dove c'era il camper della Regione per l'immunizzazione ai più piccoli

Firenze, 17 gennaio 2022 - Non solo voltantini e scritte no vax, ma anche insulti ai genitori dei bambini portati a vaccinare. E' accaduto nella prima mattina di lunedì 17 gennaio a Firenze, di fronte all'Istituto comprensivo Barsanti. La scuola era stata scelta dalla Regione Toscana proprio nella mattina di lunedì per la campagna delle vaccinazioni a scuola, con il camper della Regione di fronte all'istituto per provvedere all'immunizzazione dei bambini, per i quali la campagna vaccinale è già partita nella seconda metà di dicembre.

Gli attivisti no vax si sono presentati davanti alla scuola, sulla cui targa e sui cui muri esterni sono comparse scritte di tenore no vax. Insulti sarebbero stati indirizzati ai genitori dei bambini che accompagnavano i piccoli alla vaccinazione. Non ci sono stati scontri fisici ma comunque momenti di tensione, controllati dalle forze dell'ordine che hanno vigilato sulla mattinata di vaccinazioni.

"Il camper della Regione che oggi riavvia i motori per vaccinare davanti alle scuole è la migliore risposta alle farneticanti accuse di chi, con il linguaggio del terrore, fomenta odio e semina sfiducia nella scienza". Così il presidente della Toscana, Eugenio Giani, e l'assessora regionale all'istruzione, Alessandra Nardini, esprimono la propria condanna di fronte alle scritte e ai volantini.

"Le scritte no vax e il volantinaggio contro i vaccini effettuati davanti all'Istituto comprensivo Barsanti - dice l'assessore comunale all'Educazione Sara Funaro - sono vergognosi e intollerabili. Sono gesti che condanniamo con forza. Sono un'offesa grave verso tutti i cittadini, adulti e più giovani, che con grande senso di responsabilità si vaccinano. Quello che è accaduto alla Barsanti non rispecchia la nostra città e quanti credono e danno fiducia alla scienza e alla medicina".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?