Maranello (Modena), 29 luglio 2021 - Dalla scatola spunta non un semiasse, ma una bandiera italiana, simbolo di una produzione nazionale sempre più a rischio. Gesto ancor più significativo perché andato in scena davanti al simbolo del Made in Italy nel mondo, la Ferrari di Maranello. Stamani la delegazione Gkn ha incontrato alcuni lavoratori del Cavallino. 

Gkn, l'incontro a Maranello (FotoFiocchi)

Landini

Venerdì 30 luglio il segretario generale della Cgil nazionale Maurizio Landini sarà a Firenze per partecipare alla riunione dell’assemblea generale di Cgil Toscana che si svolge dalle 9,30 alle 13,30 nell’auditorium del Palazzo dei Congressi in piazza Adua. Al termine dell’assise, Landini e l’assemblea generale si sposteranno a Campi Bisenzio, davanti ai cancelli della Gkn, per dimostrare vicinanza e solidarietà ai lavoratori in assemblea permanente.

Giani

Intanto il presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani, alla Festa dell'unità di Fiesole è intervenuto sul tema Gkn: "Dobbiamo farcela, in tutti i modi dobbiamo riaprire il tavolo" con il fondo Melrose di Londra, proprietario della Gkn, "non possiamo rimanere in questa situazione in cui con queste modalità brute sono stati allontanati 422 dipendenti. Io sono convinto che lo sforzo congiunto tra il Governo e la Regione convincerà la proprietà a rimettersi al tavolo".

La solidarietà

E non si fermano le attestazioni di solidarietà. Gruppi di sostegno psicologico per i lavoratori della Gkn sono messi a disposizione dal Centro MeMe dopo il licenziamento collettivo dei lavoratori dell'azienda e "il conseguente turbamento dell'equilibrio di tante famiglie del territorio". "In seguito a questa situazione - dice Cipriana Mengozzi, amministratore unico di Centro MeMe - abbiamo pensato di offrire ai lavoratori licenziati uno spazio di condivisione e sostegno, dove poter affrontare con dei professionisti le emozioni derivanti dai fatti che tutti conosciamo, condividerle e arginarle". Gli incontri saranno gestiti da psicologhe psicoterapeute del centro. Prevista l'attivazione di tre gruppi da 10 lavoratori ciascuno e ad ogni gruppo verranno offerti tre incontri. Qualora la richiesta fosse superiore, potrà essere considerata l'ipotesi di attivare altri gruppi di sostegno.

Venerdì a Campi Bisenzio i volontari delle Misericordie area fiorentina consegneranno ai dipendenti di Gkn i moduli che servono per chiedere i contributi messi a disposizioni dal coordinamento delle Misericordie: le risorse disponibili sono di 10mila euro per 25 famiglie. Parteciperanno all'iniziativa il presidente e il vicepresidente del coordinamento Misericordie Area fiorentina Andrea Ceccherini e Cristiano Biancalani. Si tratta di un aiuto alle famiglie che in questo momento si trovano in difficoltà a causa della vertenza Gkn, su cui è in atto il lavoro di Regione Toscana e Città metropolitana oltre che dei Comuni di Sesto Fiorentino e Firenze.