Matteo Renzi
Matteo Renzi

Firenze, 9 marzo 2017 - POLITICI, armatori, imprenditori, finanzieri e nomi (almeno apparentemente) sconosciuti. Sono i finanziatori della Fondazione Open, quella nata (all’inizio, era il 2012, come Fondazione Big Bang) per sostenere Matteo Renzi e le sue iniziative, a partire dalla Leopolda. Sul sito sono pubblicate tutte le società, più le persone fisiche che (dal 2012 a oggi) hanno sostenuto il progetto e autorizzato la diffusione dei loro dati. Fra le aziende c’è la Isvafim (60mila euro) di Alfredo Romeo finito in questi giorni nell’inchiesta Consip. 

Ma chi sono gli altri finanziatori? A guidare Open, il presidente della Fondazione Alberto Bianchi, avvocato e grande amico di Renzi, che ha anche sostenuto l’iniziativa con 30.400 euro. Escludendo le aziende, fra i big, ecco il finanziere di Algebris Davide Serra insieme alla moglie Anna Barassi (225mila euro) e Paolo Fresco, ex presidente Fiat (50mila euro), l’imprenditore (nel frattempo scomparso) Guido Ghisolfio, con la moglie Ivana Tanzi (125mila euro), ma anche Jacopo Mazzei, ex presidente dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze (10mila) e Vincenzo Manes (62mila) finanziare, imprenditore, fra i fondatori di Dynamo Camp, poi consulente pro bono di Renzi. E ancora il petroliere Adolfo Vannucci (5mila), l’imprenditore del settore calzature Gabriele Beni (25mila), l’armatore Vincenzo Onorato (50mila), l’imprenditore Mugnai Boris (10mila). Tanti i politici: Maria Elena Boschi (8.800), Luca Lotti (9.600), il segretario Pd toscano Dario Parrini (16.200), l’europarlamentare Simona Bonafè ed Ermete Realacci (4mila ciascuno), Francesco Bonifazi (12.800), Ernesto Carbone (29.600), il sottosegretario alla salute Davide Faraone (1.600), il sindaco di Firenze Dario Nardella (6.600), Erasmo D’Angelis (6.400), Ivan Scalfarotto (9.800), Rosa Maria Di Giorgi (5mila), Yoram Gutgeld (4.800), Andrea Marcucci (17.800), Michele Anzaldi (25.600), Paolo Coppola (4mila), David Ermini (20.800), Edoardo Fanucci (9.300), Federico Gelli (4mila), Laura Cantini (5.600), Piergiorgio Carrescia (2mila), Filippo Crimì (3.200), Luigi Dallai (7.200), Roger De Menech (1.600), Marco Donati (8mila), Luigi Famiglietti (2600), Flavia Piccoli (5.600), Ernesto Magorno (7.200), Giovanna Martelli (4.200), Silvia Fregolent (6.600), Nadia Ginetti (4.800), Stefano Lepri (7.200), Mauro Del Barba (8mila), Mario Morgoni (7.200), Stefano Collina (6.400), l’ex assessore di Palazzo Vecchio Massimo Mattei (1.600), il sindaco di Prato Matteo Biffoni (8mila), l’ex sottosegretario e ora direttore dell’Agenzia del Demanio Roberto Reggi (mille). Molto meno magnanimo, il direttore generale della Rai Antonio Campo Dall’Orto che ha versato alla Fondazione 250 euro.

E ancora: Fabrizio Landi (10mila), i finanzieri Guido Roberto Vitale (5.000) e Carlo Micheli (10mila), il manager Giancarlo Lippi (25mila), l’imprenditore leccese Giorgio Colli (10mila), l’avvocato Renato Giallombardo (10mila), la marchesa Giovanna Folonari (2mila). L’elenco prosegue con: Dario Cusani (5mila), Marco Marchiani (10mila), Angelo Cacciotti (15mila), Gabriele De Giorgi (1.050), Fabio Sbianchi (25mila), Raffaele Catalano (20mila), Biagio Vita (2mila), Lorenzo Mazzeo (10mila), Daniele Zamboni (2mila). Mille euro da: Maurizio Baruffi, Andrea Vismara, Andrea Moneta e Paola Maiello, Fausto Boni, Carlo Gentili, Francesco Spinoso, Sergio Ceccuzzi. Piccole donazioni anche da Giovanni Carta (150 euro), Luca Fanelli (250), Alessandro Balp (500), Andrea Casalini (600), Francesco Casamento (500).