Coworking
Coworking

Firenze, 17 aprile 2015 - Mancano sempre meno giorni all'inizio di Expo 2015, evento internazionale per cui sono attesi oltre 21 milioni di visitatori da tutto il mondo. Tra di loro imprenditori, turisti, manager e freelance che, in molti casi, necessiteranno di luoghi flessibili e attrezzati dove poter lavorare. Ecco quindi che nasce, grazie a Piano C, CoworkingForExpo; una rete che unisce gli “uffici condivisi” in Italia che pensano alle donne, ai papà, alle famiglie e ai giovani. Un facile e veloce punto di riferimento per i visitatori italiani e stranieri che, a Milano e nelle diverse città coinvolte, avranno bisogno di ospitalità. Turismo coniugato a servizi professionali quindi (wifi, sale riunioni, ecc.) e a servizi alla famiglia (spazi infanzia, convenzioni). Una rete innovativa di servizi alle persone che modifica le abitudini e cambia la cultura, ospitata durante Expo sul sito coworkingforexpo.com. Il partner toscano e fiorentino individuato da Piano C Partner Network è la rete di coworking Multiverso che metterà a disposizione, per tutta la durata di Expo, i propri spazi di Firenze, Lucca, Pistoia, Siena e Foligno. Piano C Partner Network nasce come rete di spazi di coworking e servizi per sperimentare nuovi modelli organizzativi che cambino le attuali dinamiche del lavoro, valorizzando forze nuove e diverse, a cominciare da quella delle donne. Coworkingforexpo.com; i bisogni più pratici come le scrivanie e uffici in affitto, il servizio di segreteria, wifi e sale riunioni, l’accesso ai preziosi “servizi salvatempo”, cioè le convenzioni con gli esercizi commerciali della zona in cui si trova il coworking. E ancora il contatto privilegiato con una rete di professionisti con cui collaborare durante il proprio soggiorno. Chiunque entrerà a far parte della community dei coworking coinvolti, avrà diritto anche ad uno sconto del 20% sui servizi offerti (scrivanie, sale riunioni, spazio bambini). E dopo Expo? La rete persegue il proprio impatto sociale e culturale attraverso innovative attività di: - co-progettazione in bandi locali per l’imprenditorialità femminile; - comunicazione integrata dei partner per la narrazione di queste esperienze; - attivazione di partnership e patrocini per diffondere il model