Matteo Renzi e Beppe Grillo (Ansa)
Matteo Renzi e Beppe Grillo (Ansa)

Firenze, 18 dicembre 2015 - Il Pd di Renzi, con il 31%, si conferma primo partito nel Paese. Si riduce a 3 punti il vantaggio sul Movimento 5 Stelle, oggi al 28%: è la fotografia del consenso che emerge dal Barometro Politico di dicembre dell’Istituto Demopolis. La Lega di Salvini è al 15,8%, ormai stabilmente prima forza del Centro Destra, con Forza Italia al 10,4%. Al 4,5% si posiziona Sel-Sinistra Italiana, al 4,3% Fratelli d’Italia della Meloni; otterrebbe il 3,5% Area Popolare, costituita da UdC ed NCD di Alfano. Sotto il 2% le altre liste minori.

“Il Partito Democratico, anche se in lieve calo nelle ultime settimane, mantiene il primato con il 31% – spiega il direttore di Demopolis Pietro Vento – mentre appare in netta crescita il Movimento di Grillo che, con l’Italicum, andrebbe oggi al ballottaggio con il partito del Premier. I dati confermano anche la disaffezione al voto: si recherebbero oggi alle urne meno di 6 elettori su 10 – conclude Pietro Vento – con quasi 8 milioni di astenuti in più rispetto alle ultime Politiche del 2013”.

Per il Governo del Paese, esiste oggi una reale alternativa al PD di Renzi? L’Istituto Demopolis ha misurato la percezione dell’opinione pubblica. Per quasi 3 italiani su 10 una valida soluzione potrebbe essere il Movimento 5 Stelle; per il 27% la Lega con Forza Italia e la Meloni. Di parere opposto è la maggioranza relativa dei cittadini intervistati da Demopolis: il 38% è convinto infatti che, nell’attuale scenario politico, non vi sia per il momento una reale alternativa al PD di Renzi per la guida del Paese.