Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Il dobermann più bello del mondo è fiorentino / FOTO

Indro del Diamante Nero, di Riccardo Carapia, ha vinto il titolo mondiale in Slovacchia

Ultimo aggiornamento il 12 settembre 2018 alle 11:31
Indro tra Riccardo Carapia e Ario De Benedictis

Firenze, 12 settembre 2018 - Ha un nome bello e fiero come è lui, Indro del Diamante Nero, ha quattro anni ed è il campione del mondo dei dobermann

Il prestigioso risultato arriva dal 40° campionato mondiale di bellezza Idc (International Dobermann Club) che si è svolto a Bratislava, in Slovacchia: Indro è il vincitore assoluto nella categoria “maschi neri”. Una bella soddisfazione per il suo proprietario, il fiorentino Riccardo Carapia, e per l'istruttore Ario De Benedictis. 

Alla manifestazione internazionale, presieduta da Hans Wiblishauser, c'erano ben 440 cani provenienti da tutto il mondo. Per vincere in una competizione del genere serve un lavoro molto lungo e impegnativo:  infatti fin dal 2016, grazie ai consigli dell'addestratore ufficiale De Benedictis, c'è stato un grande cambiamento nella carriera agonistica di Indro del Diamante Nero, con una netto salto di qualità a livello mondiale. Un successo costruito sul campo di addestramento "Arno d'argento" di Brucianesi (Signa) dove personale qualificato addestra i cani per l'attività agonistica, ma si occupa anche di educare quei cani con problematiche comportamentali. Per l'addestratore Ario De Benedictis, infatti, non esistono cani cattivi, ma cattive abitudini che è sempre possibile correggere.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.