Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
16 giu 2022

Finanziamento non dovuto: sequestrati 100mila euro alla pasticceria

Continua la caccia ai finanziamenti erogati indebitamente

16 giu 2022
featured image
Guardia di Finanza
featured image
Guardia di Finanza

Continua la caccia ai finanziamenti erogati indebitamente: sequestrati 109mila euro, e spiccioli, che un’attività di pasticceria di Firenze ha percepito da un fondo europeo per lo sviluppo delle attività artigianali.

I militari del comando provinciale della Guardia di Finanza hanno dato esecuzione ad un decreto di sequestro preventivo, emesso dal gip di Firenze, su richiesta del procuratore europeo delegato di Bologna, con il quale è stata sottoposta a misura cautelare la somma di euro 109.478,47, corrispondente all’importo di parte di un finanziamento a condizioni agevolate, erogato dalla Regione Toscana e cofinanziato dall’Unione Europea, ad una società di capitali fiorentina nell’ambito del ‘Por Creo Fesr 2007-2013 Fondo unico rotativo per prestiti a favore delle imprese artigiane, industriali e cooperative’ con l’intento di agevolare la realizzazione di progetti d’investimento e favorire la competitività del sistema produttivo regionale.

Sulla base degli elementi sinora raccolti, le attività di polizia economico-finanziaria svolte hanno portato a ritenere, secondo l’ipotesi d’accusa condivisa dal giudice per le indagini preliminari, che la società ispezionata, operante nel settore della produzione di

pasticceria, abbia indebitamente impiegato le somme concesse destinandole a finalità estranee a quelle espressamente consentite dalla normativa di settore. Le attività si sono concluse con la segnalazione dei rappresentanti legali dell’azienda all’Ufficio di Bologna della Procura Europea (Eppo - European Public Prosecutor’s Office), che procede per i reati commessi in Toscana, per le ipotesi di truffa aggravata e malversazione ai danni dello Stato, mentre l’impresa beneficiaria è stata deferita per la responsabilità amministrativa derivante dalla commissione dei predetti reati. Le attività condotte hanno portato all’esecuzione integrale del decreto di sequestro preventivo del contributo, ritenuto, allo stato degli elementi acquisiti, indebitamente percepito.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?