Firenze,  6  maggio 2021 -  Le condizioni di salute di Simonetta Filippini, 45 anni di Campi Bisenzio, ricoverata all’Holy Family Hospital di Nuova Dehli in India per un inizio di broncopolmonite da Covid, ieri si sono aggravate. E l’unica soluzione percorribile rimane un volo sanitario in biocontenimento per il rientro in Italia. L’avvocato Elena Rondelli di Prato che segue la famiglia nei rapporti con Farnesina e Ambasciata ha richiesto ed esaminato i preventivi presentati dalle compagnie aeree e l’opzione più adatta è Volitalia che ha già effettuato voli sanitari: «La situazione – spiega l’avvocato – si sta facendo delicata perché se Simonetta venisse intubata non potrebbe più salire su nessun aereo. In accordo con la famiglia ho aperto ieri un conto corrente e grazie ai parenti, amici e benefattori abbiamo raccolto 80.000 euro. Si tratta, lo sottolineo, anche di soldi prestati da amici e parenti: in ogni caso il passaparola sta funzionando. Grazie di cuore a tutti. L’appello per questo volo umanitario è stato accolto. Preciso che la pratica per volo privato è definita contrattualmente con acconto ma attendiamo di avere autorizzazione al volo da parte dell’equipe medica della compagnia Volitalia. Stiamo aspettando dai medici in loco le certificazioni mediche da inviare ai medici della compagnia aerea e il console mi ha assicurato l’autorizzazione del ministero della Salute».

Green pass Italia ed europeo: come funzionano

La spesa totale sarà 130.000 euro, oltre a una possibile addizionale del 15% solo eventuale nel caso in cui per ragioni di saturazione della paziente fosse necessario scendere di quota. Simonetta e il marito Enzo Galli dal 19 aprile, lo ricordiamo, sono in India per l’adozione di Mariam Gemma, 2 anni e al momento del rientro la donna è risultata positiva al Covid. Da venerdì scorso si sono mobilitati per loro la politica a livello nazionale e locale e tantissimi cittadini. «Ho parlato con l’ambasciatore italiano in India, Vincenzo De Luca – dice l’onorevole Deborah Bergamini di Forza Italia – per accertarmi dello stato di salute di Simonetta Filippini e del possibile rientro della famiglia in Italia. Il corpo diplomatico si sta adoperando per organizzare il rimpatrio con un volo speciale sanitario. Le condizioni di salute di Simonetta sono costantemente monitorate grazie al lavoro del dottor Raviolo, medico della Protezione civile, e dall’ospedale Spallanzani. La Farnesina, a cui va il mio ringraziamento, è in costante contatto con la nostra sede diplomatica in India e sta seguendo il caso con solerte attenzione». L’operazione a livello burocratico è andata a buon fine grazie anche al sottosegretario al ministero degli esteri Manlio Di Stefano. Ieri, il gruppo consiliare del Pd in Regione ha chiesto alla giunta il massimo impegno affinché la famiglia torni in Toscana. Sempre ieri il sindaco di Campi Emiliano Fossi ha chiamato l’avvocato Rondelli per avere notizie sull’andamento del piano di rientro. Come contribuire al ritorno della famiglia? L’Iban è IT46G0324221500CC1034025259 (Banco di Lucca e del Tirreno) intestato a Elena Rondelli, causale «volo sanitario famiglia Galli».