Il dottor Enrico Naldi
Il dottor Enrico Naldi

Firenze, 19 febbraio 2021 -  

Dottor Enrico Naldi, come ha guarito i suoi pazienti?

«Subito al primo giorno di sintomi similinfluenzali prescrivo antinfiammatori al posto del paracetamolo per contenere febbre, sintomatologia dolorosa, cefalea e tosse».

Indipendentemente dall'età?
Ai più anziani prescrivo subito eparina un basso peso molecolare per un'azione antitrombotica ma anche antivirale. Al quarto-quinto giorno, in base alle condizioni del paziente, cortisonico e dosaggio robusto ».



Sin qui una cura somministrata dai più.
«Dai miei studi, ero rimasto intrigato dalle potenzialità della lattoferrina studiata dalla Sapienza di Roma e, dall'approfondimento fatto sulla tesi di una mia tirocinante, anche quella dell'azione antivirale e antinfiammatorio della vitamina D ad alto dosaggio che ho somministrato sin dall ' esordio dei sintomi. 
Naturalmente lattoferrina a scopo preventivo e come immunomodulatore e antivirale». E vitamina D, insieme ai farmaci. 



Li ha curati solo con i farmaci?
«Ovviamente i pazienti sono stati rigorosamente monitorati per tutto il periodo sintomatico con misurazione anche tre volte al giorno dell'ossigenazione del sangue dopo aver camminato in casa, se ci fosse stata necessità avrei fatto intervenire le Usca o chiesto il ricovero, ma nessuno ne ha avuto bisogno ». 
Ilaria Ulivelli