Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
6 apr 2021

Chiude la discoteca Bamboo, il virus spegne la musica

La discoteca di via Verdi, aperta nel 1980, è la prima a chiudere in città Allarme per il settore: si stima che siano a rischio duemila posti di lavoro

6 apr 2021
rossella conte
Cronaca
PRESSPHOTO Firenze.                  
Chiusa la discoteca Bamboo in vis Verdi 
Foto Gianluca Moggi@New Press Photo
La saracinesca Bamboo con la serranda abbassata (New PressPhoto)
PRESSPHOTO Firenze.                  
Chiusa la discoteca Bamboo in vis Verdi 
Foto Gianluca Moggi@New Press Photo
La saracinesca Bamboo con la serranda abbassata (New PressPhoto)

Firenze, 7 aprile 2021 - Meteore che hanno lasciato una lunga scia di ricordi. Nomi di luoghi storici che andavano in voga negli anni ‘80, ‘90 e che fino all’alba dei duemila, e qualcuno anche oltre, hanno fatto ballare generazioni di fiorentini. Villa Kasar, Esco pazzo, Meccanò, solo per fare qualche esempio. Tutti chiusi. Oggi alla lista se ne aggiunge un altro il Bamboo di via Giuseppe Verdi. Era il 1980 quando a due passi da piazza Santa Croce aprì il primo disco-ristorante fiorentino: il Liberty che poi negli anni ha cambiato gestione e nome – era Energia quando ospitava anche Carlo Conti – fino a diventare 055, Twice e poi Bamboo. Oggi la sala di via Verdi chiude a causa covid. Si tratta della prima discoteca fiorentina ad abbassare la saracinesca. A darne notizia è il Silb-Confcommercio Firenze. «Da febbraio 2020 il locale è chiuso al pubblico, ha riaperto solo poche settimane ma non ha funzionato. Purtroppo, di questo passo, saranno altri quelli che non ce la faranno e saranno costretti a gettare la spugna» dice Riccardo Tarantoli, il presidente del Sindacato dei locali da ballo.

Pino Presta, il dj della Firenze che balla, della Firenze che vive, della Firenze che si agghindava per il rito della notte, è amareggiato. Il Liberty se lo ricorda bene, fu proprio lui che suonò per la serata di inaugurazione: «Un locale innovativo, tutto in stile liberty. Il primo ad aprire a Firenze con un ristorante all’interno. Erano altri tempi allora, le sale da ballo fiorentine erano le più belle d’Italia. Luoghi chic. Altri tempi. Dalla fine degli anni ‘90 la situazione è iniziata a cambiare. Purtroppo, ho paura che di attività di intrattenimento che chiuderanno ce ne saranno altre» racconta.

Il popolo della notte è in ginocchio. A rischio nella provincia di Firenze ci sarebbero 2mila posti di lavoro mentre in Toscana 8mila. Sono 35 le discoteche nella provincia di Firenze, 150 quelle toscane che muovono un giro di affari annuo di 500milioni di euro. Secondo un’indagine Silb Firenze, il 30% delle discoteche non riuscirà a riaprire. D’altra parte, dal 13 giugno 2020, data in cui la Regione Toscana ha autorizzato l’apertura dei locali, solo il 15% delle 35 aziende ha ripreso l’attività per alcune settimane. L’85% non lavora dal mese di febbraio 2020. «E’ assurdo considerare noi i responsabili dell’aumento dei casi – non usa mezzi termini Tarantoli -. Siamo chiusi da più di un anno e i contagi continuano a salire, forse bisognerebbe intervenire su altri fronti, come per esempio sui trasporti».
Aiuti? «Pochi, rappresentano il 5 per cento delle perdite - sottolinea il presidente Silb -. Chiediamo un vero piano per il rilancio del nostro settore che deve essere inserito nel contenitore culturale, visto che la musica è cultura, o turistico per quanto riguarda le città d’arte, e un intervento sulle tasse da pagare. Da parte nostra stiamo definendo un protocollo, che guarda ai modelli di successo europei, per permettere alle nostre discoteche di poter ripartire con l’estate. Abbiamo bisogno di lavorare».

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?