Firenze ai tempi del coronavirus
Firenze ai tempi del coronavirus

Firenze, 3 aprile 2020 - Ma c’è un allentamento nel rispetto del decreto? Due segnali farebbero pensare che a Firenze e provincia sia stata inter pretata in maniera permissiva l’indicazione sulla "boccata d’aria" con figli. Il primo: c’è stata una nuova mini impennata nelle multe per chi è in giro senza motivo o per chi si è allontanato troppo dalla propria abitazione, nella giornata di mercoledì: su 4441 controllati, 98 cittadini sono stati multati. Altri 9 sono stati invece denunciati perché hanno esibito un’autocertificazione fasulla. Sanzionato anche un negozio (su 1255 controllati) che non rispettava il decreto sulle chiusure.

L’altro indizio di ’indisciplina’ traspare dall’attività del 118, che nella giornata di ieri ha visto ambulanze soccorrere persone in ambito di attività all’aperto. Dunque attenzione anche nel concedersi qualche fuga dalla realtà in cui siamo costretti a vivere per il contenimento dei contagi.
La polizia municipale di Firenze si è dedicata nella giornata di mercoledì proprio alla verifica delle passeggiate con i figli. 25 coppie (genitore+bambino) fermate, senza nessuna contravvenzione elevata. In totale, i vigili fiorentini hanno effettuato 387 accertamenti su persone (5 sanzioni) , 33 veicoli in transito (nessuna sanzione) e 107 tra attività ed esercizi commerciali (tutti regolari). E’ finito con una denuncia, l’intervento della Municipale in un supermercato del centro.

L’addetto agli afflussi aveva infatti segnalato una coppia che, contrariamente alla regola di una persona a famiglia, stava facendo la spesa in due. All’arrivo della polizia municipale, l’uomo prima è fuggito e poi si è ribellato alla richiesta dei documenti. Per questo è stato denunciato mentre per la donna è scattata la sanzione amministrativa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA