Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Una manifestazione a Figline per i lavoratori Bekaert

Figline Valdarno (Firenze), 30 giugno 2018 - Una serata non facile. Anche se avere l'affetto di cinquemila persone in qualche modo mitiga il momento nero. Figline Valdarno vive un momento tra i più drammatici per la chiusura della Bekaert: l'azienda che produce mini-cavi d'acciaio per pneumatici manda a casa 318 persone tra impiegati e operai. Un colpo durissimo per l'economia locale, che su questa fabbrica fino a ora si era poggiata.

Tra incertezze per il futuro e lacrime, nella serata di venerdì 29 giugno c'è stata una grande manifestazione con il supporto del Comune di Figline Incisa. In cinquemila sono scesi in piazza a Figline, riempiendola. Cinquemila persone che si sono strette alle 318 famiglie. Tanti i momenti di commozione sul palco.

La testimonianza più toccante è stata quella di Giovanni, uno dei 318: "Siamo cresciuti insieme alla fabbrica e la fabbrica è cresciuta insieme a noi - dice davanti al microfono - Grazie a questa fabbrica ci siamo arricchiti in qualche modo. Abbiamo fatto figli, abbiamo comprato case. Tutto questo si è riversato sul territorio". Il 22 giugno è finito tutto.

"Ci siamo trovati a vivere - dice l'uomo - un momento surreale. Ricordo la ragazza che stava traducendo quello che dicevano i dirigenti. Quando ha capito cosa doveva tradurre ha cominciato a tremare e a guardarci. Ricordo anche le facce incredule dei miei colleghi. Quando siamo usciti fuori sono iniziati ad arrivare i familiari muti, con in mano le lettere che erano arrivate a casa".

Giovanni ricorda quei momenti di smarrimento: "Sono gli operai che sono andati a mettere in sicurezza gli impianti. I dirigenti se ne sono andati". La battaglia della Bekaert proseguirà anche in agosto, quando tecnicamente l'azienda andrà in ferie. Gli operai rimarranno comunque davanti alla fabbrica: "Chiediamo a tutti di sostenerci". 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.