Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Tribunale

Firenze, 11 settembre 2018 - E' stata aggiornata al prossimo 6 novembre l'udienza davanti al tribunale militare di Roma per Marco Camuffo e Pietro Costa, i due militari che sono stati destituiti dall'Arma dei carabinieri e che sono indagati dalla magistratura ordinaria per l'accusa di aver violentato due studentesse americane di 20 e 21 anni a Firenze la notte tra il 6 e il 7 settembre scorsi, dopo averle riaccompagnate a casa, in Borgo Santi Apostoli, con l'auto di servizio.

Nel procedimento davanti alla magistratura militare Camuffo e Costa sono accusati di concorso in violata consegna continuata e pluriaggravata, perché erano in servizio al momento del presunto stupro, e concorso in peculato militare aggravato, per aver usato l'auto di servizio con cui erano di pattuglia per accompagnare le due ragazze da una discoteca fino al palazzo dove abitavano e dove si sarebbe consumata la violenza.

Il gup del tribunale militare, Elisabetta Tizzani, ha deciso di aggiornare l'udienza per quantificare il danno economico subito dall'amministrazione legato all'utilizzo dell'auto di servizio con cui i due erano di pattuglia quella sera. Per quanto riguarda la giustizia ordinaria, l'udienza preliminare per decidere del rinvio a giudizio dei due ex carabinieri riprenderà il prossimo 11 ottobre.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.