Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
15 giu 2022

In Chianti parte da giovedì l'ambulanza con il solo infermiere

L'Asl "ha verificato la possibilità di reperire medici disponibili a interrompere il piano ferie per mantenere attive tutte le ambulanze con il medico a bordo"

15 giu 2022
Sul posto i soccorritori del 118 (Archivio)
Soccorritori in ambulanza (Archivio)
Sul posto i soccorritori del 118 (Archivio)
Soccorritori in ambulanza (Archivio)

Firenze, 15 giugno 2022 - "L'Azienda ribadisce la necessità di procedere con la giornata di giovedì 16 giugno all’attivazione di un’ambulanza infermieristica". Nel Chianti fiorentino per il periodo estivo ci saranno dunque due ambulanze con il medico a bordo e una con l'infermiere.

E' quanto emerge dall'incontro che si è tenuto oggi fra i tre sindaci del Chianti Fiorentino David Baroncelli, Roberto Ciappi e Paolo Sottani con il consigliere regionale Massimiliano Pescini, l'assessore regionale al Diritto alla Salute Simone Bezzini e il direttore Generale Ausl Toscana centro, Paolo Morello Marchese. "Facendo seguito alle dichiarazioni riportate su organi di stampa da parte di un medico dell'emergenza, rappresentante SNAMI, l'Azienda Usl ha verificato la reale possibilità di reperire medici disponibili ad interrompere il proprio piano ferie - si legge in una nota Asl - al fine di mantenere attive tutte le ambulanze con il medico a bordo. Si ringrazia per la disponibilità teorica ma non è stato possibile reperire disponibilità effettiva".

L'Azienda Asl Toscana Centro "ribadisce di assumersi pienamente la responsabilità di tale operazione, già ampiamente sperimentata in vari territori delle province di Firenze, Prato e Pistoia. Nell'arco della riunione l'Assessore Bezzini ha ritenuto necessario, unitamente ai sindaci e al consigliere Pescini mantenere un monitoraggio su tale aspetto organizzativo ed è stato previsto un prossimo incontro entro un mese. La riunione sarà l’occasione per un confronto non solo con le istituzioni locali e del consiglio regionale ma anche con il sistema del volontariato. Tutto ciò per concordare il miglior assetto dell'emergenza territoriale con l'inizio del prossimo autunno tenuto conto delle peculiarità territoriali del Chianti Fiorentino".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?