Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Istruzioni per "l'impresa". L'economia? Altro che scienza esatta

Nardone e Tani all'Estate Fiorentina con il loro libro mercoledì 12 settembre in Piazzale Michelangelo

Ultimo aggiornamento il 12 settembre 2018 alle 10:10
La copertina di 'Psicoeconomia' di Giorgio Nardone e Simone Tani

Firenze, 11 settembre 2018 - Che l'economia sia matematica è tutto da dimostrare. Forse più semplicemente non è solo così; più che una scienza esatta è una possibilità e un grande motore accanto ad altri che influiscono la storia, ma non è l'unico a generarla. Simone Tani e Giorgio Nardone, autori di 'Psicoeconomia', agile volume scritto a quattro mani per Garzanti e in presentazione mercoledì 12 settembre all'Estate Fiorentina (ore 18.45, Piazzale Michelangelo), diffidano delle formule in materia e degli slogan “magici” come i mitici “riduttori di complessità”.

Le ipotesi di lavoro disciplinare devono tenere conto di quanto pesano e sono sottovalutate le reazioni emotive, non solo dei ricettori (la temibile e al tempo stesso irrisa platea dei consumatori) quanto dei produttori. Portano ad esempio la vicenda delle “isole produttive” di Prato, che sono riuscite a far rilanciare il settore tessile e a non fare chiudere una serie di imprese mettendo insieme, potremmo dire in rete, le peculiarità di ciascuna: il vero ostacolo non era il progetto, ma la diffidenza degli imprenditori l'uno verso l'altro, superata solo attraverso una mediazione che li ha aiutati a guadagnare fiducia e a smontare le basi del loro fare occhiuto. E' del resto una delle prerogative del Centro di terapia strategica fondato da Nardone, allievo di Paul Watzlawick (ricordate 'Istruzioni per rendersi infelici'?), e nel quale Tani è formatore. Insomma, quando sentite invocare le “leggi dell'economia” attenti alla fregatura che arriva: è una sorta di totem, anzi meglio, un moloch al quale sacrificare in modo sempre più “fluido”, come è stato fatto dopo l'89 da un capitalismo tutt'altro che liberale e dall'economia finanziaria dell'algoritmo, il bene comune che coincide, sempre, con quello di ogni persona. Siamo ancora a curare le ferite e i numeri non bastano. Nardone e Tani proiettano la loro riflessione in un prologo, quattro capitoli e un epilogo, che scaturiscono dall'obiettivo di “gestire fallimenti e realizzare successi

“Successo” è una parola da prendere con le molle, soprattutto quando diventa sinonimo di sopraffazione per alcuni e di rassegnazione per i molti, il corollario individualista dell'affermazione di sé, ma non è - così ci sembra - che la intendono i due studiosi, preoccupati piuttosto di evitare naufragi, sospinti dall'antica osservazione di Seneca: “Nessun vento è propizio al marinaio che non sa a quale porto approdare” (proprio in questi giorni ricorre il “bell”'anniversario del fallimento di Lehman Brothers, ma più dei comandanti sono finiti in mare in mozzi di bordo).
Michele Brancale 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.