Un duello tra Battaglia e Traore
Un duello tra Battaglia e Traore

Empoli, 5 agosto 2018 - Ci sono serate che rimangono nella storia anche se non sono esattamente delle finali di Champions League. L'Empoli ha scritto una sua piccola grande pagina di storia, vincendo in Portogallo ai rigori contro lo Sporting Lisbona il Trofeo dei "Cincos Violinos".

Il tutto in uno stadio, come il Jose Alvalade di Lisbona, che ha visto muovere i primi passi nel calcio che conta di un certo Cristiano Ronaldo. Bando a nomi troppo altisonanti, gli azzurri si mostrano ordinati e razionali in una arena che incute timore contro un avversario tosto, una squadra che viene da una stagione importante, in cui ha disputato anche la Champions League.

E' lo Sporting ad aprire le marcature con Misic al 51'. Passa poco più di un quarto d'ora e La Gumina ripaga i soldi investiti quest'estate segnando il pareggio. Il risultato non cambia fino al novantesimo. Serve la lotteria dei rigori, 

Sbaglia Krunic, sbaglia lo Sporting, Provedel è prodigioso a neutralizzare il sesto rigore, prima che Rasmussen trovi il gol decisivo.

Il tabellino

Sporting Lisbona-Empoli 5-6 (dcr)

SPORTING LISBONA (4-2-3-1): Viviano, Ristovski (66´ Gaspar), Coates (85´ Andrè Pinto), Mathieu, Jefferson Moreira; Battaglia, Misic (66´ Rapinha); Nani (66´ Matheus Pereira), Bruno Fernandes (85´ Manè), Acuna (66´ Wendel); Dost (85´ Montero). All. Peseiro. A disposizione: Salin, Maximiano; Ferrerira, Agbenyenu, Petrovi, Cabral.

EMPOLI (4-3-1-2): Terracciano (46´ Provedel); Di Lorenzo, Veseli, Maietta, Pasqual (66´ Krunic); Bennacer (66´ Brighi), Rasmussen, Traore; Zajc (66´ Capezzi); Caputo La Gumina (85´ Mraz). All. Andreazzoli. A disposizione: Fulignati; Jakupovic, Lollo, Romagnoli, Untersee, Marcjanik.

Arbitro: Carlos Xistra (Valdemar Maia-Luciano Maia; Andrè Narciso) 

Marcatori: 51´ Misic, 69´ La Gumina