Rasmussen contro Kouamé

Empoli, 26 agosto 2018 - Ko per la neopromossa Empoli nella seconda giornata del campionato 2018/2019. Dopo la vittoria nella gara inaugurale contro il Cagliari al Castellani, gli azzurri subiscono una battuta d'arresto: finisce 2-1 per il Genoa la sfida di Marassi.

Una partita con molti significati anche non sportivi, una partita che ha visto le due tifoserie unite nel ricordo del crollo del Ponte Morandi, una tragedia della strada che ha segnato profondamente la città. LEGGI: TUTTI I NUMERI DEL MATCH

Prima della partita striscioni da ambo le parti hanno ricordato le vittime e chiesto verità sulle cause del crollo.

Passando al lato sportivo, l'Empoli non è riuscito a reagire ai ben due gol subiti nel giro di 18' minuti. Una partenza ad handicap che ha condizionato non poco tutta la gara. Al sesto c'è il primo gol dei padroni di casa con Piatek. Al 18' replica Kouamé su assisti di Criscito. Il Genoa sembra affondare con un po' troppa facilità, l'Empoli cerca di reagire.

La Gumina, la principale freccia nell'arco di Andreazzoli, si fa vedere al 26' ma il tiro viene bloccato dalla difesa genoana. La reazione empolese si vede soprattutto nel secondo tempo, quando gli azzurri provano in più di un'occasione almeno ad accorciare le distanze. Al 6' l'Empoli colpisce la traversa con Zajc su punizione. Ballardini chiede più copertura ai suoi e in effetti il Genoa non si fa sorprendere.

Al 30' Andreazzoli tenta il tutto per tutto e fa entrare Mraz al posto di La Gumina: è l'esordio in serie A per l'attaccante slovacco. E' lui che al 90' segna il gol che accorcia le distanze. E' bello il cross di Di Lorenzo dalla destra, Mraz mette dentro senza problemi. Peccato che la rete arrivi a partita ormai finita. Dopo quattro minuti di recupero si chiude il match.

Per l'Empoli una battuta d'arresto che non preoccupa quando siamo solo all'alba di questo campionato. C'è stata anche tanta sfortuna per gli azzurri, che appunto hanno colpito una traversa e hanno anche sfiorato un altro gol con Zajc nel secondo tempo: solo Marchetti, con un grandissimo intervento, ha detto di no. L'Empoli avrà l'occasione per rifarsi domenica 2 settembre a Verona contro il Chievo

IL TABELLINO

Genoa-Empoli 2-1 (pt 2-0)

GENOA (3-4-1-2): Marchetti, Biraschi, Spolli, Zukanovic, Lazovic (27' st Gunter), Romulo, Hiljemark (36' st Bessa), Criscito, Pandev (9' st Mazzitelli), Kouamé, Piatek. (25 Vodisek, 97 Radu, 5 Lopez, 10 Lapadula, 18 Rolon, 26 Dalmonte, 32 Pereira, 33 Lakicevic, 45 Medeiros). All: Ballardini.

EMPOLI (4-3-1-2): Terracciano, Di Lorenzo, Silvestre, Rasmussen, Antonelli, Acquah (27' st Bennacer), Capezzi, Krunic, Zajc (40' st Taorè), La Gumina (32' st Mraz), Caputo. (1 Provedel, 99 Fulignati, 4 Brighi, 5 Veseli, 7 Mchedlidze,23 Pasqual, 27 Untersee,29 Marcjanik, 48 Ucan). All. Andreazzoli.

Arbitro: Marinelli.

Reti: nel pt 6' Piatek, 18' Kouamé. Nel st. 49' Mraz.

Note - Angoli: 6 a 3 per l' Empoli . Recupero: 2' e 4' . Ammoniti: Spolli per fallo di mano, Criscito, Zukanovic, Silvestre, Krunic per gioco scorretto Spettatori: 19523 di cui abbonati 17490 e paganti 2033.

La classifica: Juventus, Napoli e Spal 6 punti; Udinese e Sassuolo 4; Fiorentina, Atalanta, Empoli, Genoa e Roma 3; Inter, Torino, Parma, Bologna, Cagliari e Frosinone 1; Milan, Sampdoria, Lazio e Chievo 0. (Sampdoria, Fiorentina, Milan e Genoa una partita i meno).