Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Primo maggio, Rossi al corteo a Empoli e poi a pranzo alla "Maestrelli"

Il presidente della Regione a pranzo con i lavoratori che occupano la fabbrica

Ultimo aggiornamento il 28 aprile 2017 alle 19:41
Gli operai della Cartotecnica (Fotocronache Germogli)

Empoli, 28 aprile 2017 - Corteo a Empoli e poi pranzo in fabbrica, alla Cartotecnica Maestrelli di Sovigliana, occupata dagli operai in lotta per la sopravvivenza dell'azienda. Così il presidente Enrico Rossi celebrerà, lunedì 1 maggio, la Festa del Lavoro, portando l'attenzione e la solidarietà della Regione a questa e ad altre realtà produttive, quasi sempre di piccole o medie dimensioni che, nella zona dell'empolese e della Valdelsa, hanno risentito pesantemente della crisi degli ultimi anni.

Il corteo, organizzato dai sindacati, partirà intorno alle 9.30 da via Roma, di fronte alla Stazione di Empoli. Il comizio conclusivo si terrà alle 11.30, in piazza della Vittoria.

Il presidente Rossi raggiungerà poi Sovigliana (nel comune di Vinci), dove intorno alle 13 pranzerà insieme ai lavoratori della Maestrelli, nello stabilimento di viale Togliatti. L'azienda Maestrelli è stata occupata nel marzo scorso dopo un lungo braccio di ferro con la proprietà che, oltre un anno fa, aveva annunciato esuberi e promesso un rilancio che non è mai avvenuto. Nelle ultime settimane è stata aperta una procedura di licenziamento collettivo. A febbraio la Maestrelli ha fatto richiesta di concordato in bianco ed è in attesa del pronunciamento da parte del Tribunale.

Nel frattempo i lavoratori stanno perseguendo il tentativo di costituirsi in cooperativa per dare continuità alle produzioni - in presenza di commesse e di un nutrito portafoglio clienti - e salvare i posti di lavoro.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.