Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Chi è Luca Lotti, nuovo ministro del Governo Gentiloni

Già una lunga carriera politica a dispetto dei 34 anni

Ultimo aggiornamento il 12 dicembre 2016 alle 20:39
Luca Lotti al giuramento del Governo Gentiloni

Empoli, 12 dicembre 2016 - Fedelissimo renziano e con un curriculum politico già degno di nota, nonostante abbia solo 3 anni. Luca Lotti, nato a Montelupo Fiorentino, diventa ministro nel Governo Gentiloni e diventa anche il primo titolare di un dicastero che l'Empolese Valdelsa abbia mai avuto. 

Nato ad Empoli 34 anni fa, sposato e con un figlio, Lotti si è laureato in Scienza dell'Amministrazione a Firenze. Nel 2005 Lotti, allora consigliere comunale, conosce l'allora presidente della Provincia Matteo Renzi, e condivide con lui l'esperienza dei Meeting della Leopolda e della «rottamazione».

Da allora è lui «l'uomo-macchina» dell'organizzazione renziana, tanto da venir definito «il braccio destro e il sinistro di Renzi».

Eletto alla Camera per la prima volta nel 2013 fa parte dell'allora piccolo drappello dei parlamentari renziani. Dopo le dimissioni di Pierluigi Bersani dalla segreteria del Pd, e la nomina di Guglielmo Epifani come reggente, Lotti entra nella segreteria unitaria propria in quota della componente renziana, con l'incarico di responsabile per gli Enti Locali.

Molti dei suoi lo sconsigliano, ma Lotti si sente sicuro e accetta. Dopo la vittoria di Renzi alle primarie del Pd l'8 dicembre 2013, viene confermato nella segreteria. Quando Renzi approda a Palazzo Chigi, il successivo febbraio, lo chiama tra i sottosegretari alla presidenza, affidandogli la delega dell'editoria, delega che mantiene con Gentiloni assieme a quella per il Cipe. Con la nomina a ministro per lo sport potrà partecipare al Consiglio dei ministri assieme a Maria Elena Boschi, sottosegretario alla Presidenza.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.