Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
3 ago 2022

Caldo e malori, il dottore lancia l’allarme. "Boom di chiamate, non solo dagli anziani"

Il medico di famiglia: "In due ore 30 telefonate, la metà denunciava malesseri per le temperature roventi. Ecco i consigli da seguire"

3 ago 2022
alessandro pistolesi
Politica
Una giovane sotto il sole in piazza Farinata degli Uberti: Empoli, insieme a Firenze e Prato, è fra le città più calde della Toscana e anche d’Italia
Una giovane sotto il sole in piazza Farinata degli Uberti: Empoli, insieme a Firenze e Prato, è fra le città più calde della Toscana e anche d’Italia
Una giovane sotto il sole in piazza Farinata degli Uberti: Empoli, insieme a Firenze e Prato, è fra le città più calde della Toscana e anche d’Italia
Una giovane sotto il sole in piazza Farinata degli Uberti: Empoli, insieme a Firenze e Prato, è fra le città più calde della Toscana e anche d’Italia

Empoli, 4 agosto 2022 - Il caldo è opprimente, non concede tregue. Ma bollente è pure il telefono di dottori e medici di famiglia, subissati di chiamate da parte di pazienti che chiedono consigli o rimedi contro Lucifero. "L’altra mattina, tra le 8 e le 10, ho risposto a 30 persone. Almeno la metà denunciava malesseri dovuti al caldo", racconta Iacopo Periti, medico di famiglia empolese. I consigli sono sempre i soliti, possono apparire banali ma è utile ribadirli. "Dire che il condizionatore fa male è sbagliato – prosegue il dottore –, è opportuno però usarlo nella maniera corretta: 27 gradi è la temperatura giusta. Tenerlo troppo basso significa rischiare lo choc termico". Un monito per gli anziani ma anche per i più giovani. "Questo caldo anomalo che va avanti ormai da svariati mesi ha preso molti in contropiede, le telefonate sono aumentate di parecchio rispetto agli anni passati – spiega il medico –. Ho ricevuto diverse chiamate anche da parte di ventenni che lamentavano pressione bassa". Bere molto è fondamentale. "Con il caldo soprattutto gli anziani perdono il senso della sete. Il mio consiglio – prosegue ancora Periti – è di avere una bottiglia sempre a portata di mano e bere almeno due litri d’acqua al giorno". Spesso i malesseri sono dovuti a comportamenti non opportuni: "Dalle 11 alle 16 meno si esce di casa e meglio è. Anche quest’anno è capitato che un paziente abbia preso un’insolazione perché si è messo a fare l’orto all’ora di pranzo". Occhio anche all’alimentazione: "Si deve mangiare leggeri soprattutto a pranzo – continua Periti –. Consiglio frutta e verdura ma anche succhi di frutta evitando le bibite gassate. Se non ci sono controindicazioni, è bene mangiare un pochino più salato rispetto al solito". Ci sono poi degli accorgimenti strategici per evitare il repentino ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?