Empoli, 31 agosto 2018 - Il primo, grande segnale di cedimento, il campanello d’allarme che ha messo tutti sull’attenti, è stata la crisi dei video a luci rosse. "Negli anni ’80 e ’90 rappresentava quasi il 90% del fatturato, adesso siamo arrivati allo zero virgola". Era l’ultimo negozio di videonoleggio in città, uno di quei posti dove tutti, almeno una volta nella vita, hanno messo piede. Il Videocenter di Andrea Cintelli in viale Petrarca chiude i battenti: il 29 settembre sarà l’ultimo giorno di lavoro per una delle attività più conosciute di tutta Empoli. Sarà stato per la gentilezza e la cordialità del proprietari, o per l’enorme disponibilità di titoli, fatto sta che la notizia della chiusura ha colpito tutti come un pugno nello stomaco. Qui non c’entra tanto la crisi, quanto il segnale dei tempi che cambiano.

"Il colpo di grazia – ribadisce lo stesso Cintelli – ce lo ha dato Netflix. Negli ultimi anni avevamo avvertito segnali di cedimento, ma in qualche modo eravamo riusciti a resistere. Adesso non avrebbe più senso andare avanti".

Videocenter nasce nel 1985 grazie ad un’intuizione di Lucia Testaferrata, che di Cintelli è cugina. "Il boom delle videocassette fece sì che negozi come il nostro proliferassero. Prima con le vhs, poi coi dvd – dice ancora Cintelli – ma da quando i film si vedono e si scaricano da internet con semplicità è stato un lento declino. Oggi è difficile trovare persone che noleggiano un film quando è sufficiente accendere il computer e vederlo in streaming".

Non c’è però rammarico nelle parole di Cintelli. "Ovviamente dispiace, ma ci rendiamo conto che alla fine non è colpa di nessuno. E’ il progresso, che vogliamo farci. Le tecnologie si evolvono e negozi come il nostro, ormai, sono superati. Quando negli anni hanno iniziato a chiudere i tanti videonoleggio che c’erano a Empoli e dintorni – dice – la gente veniva da me e mi diceva: ‘adesso sarai contento, c’è meno concorrenza’. Ma io in realtà ero preoccupato, perchè sapevo come sarebbe andata a finire".

E così il prossimo 29 settembre sarà l’ultimo giorno di apertura. Per congedarsi al meglio con i propri affezionati clienti, Cintelli ha pensato di ‘regalare’ tutti i dvd che gli sono rimasti al prezzo simbolico di 1 euro. "Abbiamo già smesso di effettuare il servizio noleggio, ma i titoli che abbiamo li vendiamo così. In questo modo vogliamo anche lasciare un ricordo di noi nelle persone che hanno frequentato il negozio. Mi ricordo ancora che quando usciva un film famoso in videocassetta o dvd, le file arrivavano anche fino al semaforo. Ormai non è più così da anni, ma ripeto: non è colpa di nessuno. E’ il progresso – chiude – e tutti quanti dobbiamo farci i conti".