Scotti Rosa sconfitta di un punto. Rimpianti e beffa con Giussano

L'Use Rosa Scotti subisce una sconfitta amara contro le Foxes Giussano per un solo punto. Nonostante una buona prestazione al tiro delle ospiti, la squadra di Empoli non riesce a trovare il giusto approccio alla partita. La caccia ai playoff riparte domenica.

Scotti Rosa sconfitta di un punto. Rimpianti e beffa con Giussano

Scotti Rosa sconfitta di un punto. Rimpianti e beffa con Giussano

USE ROSA SCOTTI

77

FOXES GIUSSANO

78

USE ROSA SCOTTI: Castellani 16, Stoichkova 5, Merisio 18, Manetti, Miscenko 16, Fiaschi ne, Ruffini 9, Patanè 12, Avonto ne, Villaruel 1, Antonini ne, Casini ne. All. Cioni.

BASKET FOXES GIUSSANO: Diotti 20, Manzotti 24, Crippa 3, Bonadeo 13, Gatti 8, Pallavicini ne, Lussignoli 10, Colico C., Sorrentino, Niedzwiedzka ne, Colico C. ne, Meroni ne. All. Aramini.

Arbitri: Cassiano e Lilli di Roma.

Parziali: 12-19, 35-33 (23-14), 56-58(21-25), 77-78 (21-20).

EMPOLI - Rimpianti e tanta amarezza per l’Use Rosa che oltre al danno della sconfitta interna con Giussano (la seconda di questo campionato contro le Foxes) vede materializzarsi anche la beffa con il ko che arriva per un solo punto (77-78) dopo una partita vissuta sull’altalena fra l’inferno e il paradiso. Le ospiti comunque portano a casa un successo meritato, figlio anche di una serata al tiro che raramente si vede anche su palcoscenici ben più prestigiosi. Praticamente come le ospiti alzano la mano la mettono dentro e il 56% finale dall’arco (se preferite 13/23) ne è la fotografia in numeri. Ma poi c’è il resto, ovvero una Scotti che non ha il giusto approccio alla partita dopo la splendida vittoria con Galli (capita), una situazione paradossale di trovarsi in difficoltà dopo aver preparato la gara sulla stella avversaria, Niedzwiedzka, che poi non gioca per un problema fisico e, soprattutto, l’aver concesso troppo su quei dettagli che, se sul momento non sembrano decisivi, in un finale simile lo diventano.

Messo tutto insieme ecco che si spiega la sconfitta, accompagnata da quel sarebbe bastato poco che la fa diventare davvero una beffa. La caccia alla miglior posizione playoff riparte domenica da La Spezia. Come sempre niente drammi, testa bassa e lavorare.