Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Gatta infilzata da una freccia. L'allarme via social la salva dalla morte

E' successo a Pontorme. Il dardo scoccato da una balestra

Ultimo aggiornamento il 3 settembre 2018 alle 09:50
Gatti (repertorio Afp)

Empoli, 28 agosto 2018 - E’ apparsa nei pressi del circolo con una freccia infilata nella pancia. Una scena straziante notata ieri poco prima delle 9 da un uomo che ha subito dato l’allarme nel tentativo di strappare alla morte quella gattina ferita da chissà chi. Un malintenzionato deciso a giocare con la vita della micia dal manto tigrato, docile nonostante il dardo con il quale qualcuno l’aveva infilzata. E’ successo nella frazione di Pontorme, alle porte del centro di Empoli.

"Appello per questa gattina – ha scritto sul suo profilo social A.B. - Le foto sono delle 8.45 , zona circolo Pontorme Empoli. E’stata ferita con un dardo in alluminio da balestra, si è fatta avvicinare ma non prendere: è buona, ma spaventata. Non sono riuscito a recuperarla ed è scappata: se qualcuno conosce il proprietario o riesce a prenderla, ha bisogno di un veterinario".

Tra condivisioni e commenti di condanna e incredulità di fronte a tanta violenza, la proprietaria della gatta è venuta a conoscenza dell’accaduto e si è attivata. Portata dal veterinario, la micia è stata operata: il medico ha estratto il dardo che, a quanto appreso, per fortuna non era penetrato in profondità e la micia se l’è cavata con due punti di sutura e antibiotici.

"Sta bene, si sta riprendendo dall’anestesia – ha raccontato la proprietaria – Appena saputo, sono andata a cercarla e l’ho trovata dove è solita stare, ai giardini. Grazie a tutti per il vostro aiuto e il vostro supporto. Sono senza parole".

Un lieto fine che non cancella lo sgomento e la rabbia per tanta gratuita violenza contro un animale tranquillo e innocuo.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.