Il green pass vaccinale
Il green pass vaccinale

Toscana, 243 contagi nell'ultimo giorno: età media 28 anni 

 

In Toscana sono 245.976 i casi di positività al Coronavirus, 243 in più rispetto a sabato 17 (238 confermati con tampone molecolare e 5 da test rapido antigenico). I nuovi casi sono lo 0,1% in più’ rispetto al totale del giorno precedente. I guariti crescono dello 0,01% e raggiungono quota 237.022 (96,4% dei casi totali).

Domenica 18 sono stati eseguiti 5.879 tamponi molecolari e 4.311 tamponi antigenici rapidi, di questi il 2,4% è risultato positivo. Sono invece 4.229 i soggetti testati oggi (con tampone antigenico e/o molecolare, escludendo i tamponi di controllo), di cui il 5,7% è risultato positivo. Gli attualmente positivi sono oggi 2.056, +11,4% rispetto a ieri. I ricoverati sono 82 (2 in piu’ rispetto a ieri), di cui 16 in terapia intensiva (1 in meno). Non si sono registrati nuovi decessi. Questi i dati - accertati sulla base delle richieste della Protezione Civile Nazionale - relativi all’andamento dell’epidemia in regione. Alle 12.00 di oggi sono state effettuate complessivamente 3.569.014 vaccinazioni, 27.691 in piu’ rispetto a ieri (+0,8%), tenendo presente che le Aziende del Sistema Sanitario Regionale proseguono per l’intera giornata.

La Toscana è la 18° regione per percentuali di dosi somministrate su quelle consegnate (l’89,6% delle 3.982.965 consegnate), per un tasso di vaccinazioni effettuate di 97.293 per 100mila abitanti (media italiana: 103.114 per 100mila). L’eta’ media dei 243 nuovi positivi odierni è di 28 anni circa (38% ha meno di 20 anni, 41% tra 20 e 39 anni, 16% tra 40 e 59 anni, 3% tra 60 e 79 anni, 2% ha 80 anni o più).

Ecco i casi di positività sul territorio con la variazione rispetto a ieri (238 confermati con tampone molecolare e 5 da test rapido antigenico).

Sono 68.008 i casi complessivi a ieri a Firenze  (+81 rispetto a sabato), 22.771 a Prato (+30), 23.133 a Pistoia (+18), 13.386 a Massa (+8), 24.883 a Lucca (+35), 29.373 a Pisa (+14), 17.600 a Livorno (+6), 22.977 ad Arezzo (+15), 13.993 a Siena (+20), 9.297 a Grosseto (+16). Sono 555 i casi positivi notificati in Toscana, ma residenti in altre regioni.

. Le province di notifica con il tasso più alto sono Prato con 8.893 casi x100.000 abitanti, Pistoia con 7.954, Pisa con 7.054, la piu’ bassa Grosseto con 4.254. Complessivamente, 1.974 persone sono in isolamento a casa, con sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere, o prive di sintomi (+208 rispetto a sabato,  +11,8%)

 

Umbria, casi più che raddoppiati in 24 ore, un solo ricoverato

Un ricoverato covid in più negli ospedali dell’ Umbria a fronte di una nuova impennata di nuovi casi giornalieri, 67 (contro i 30 di sabato), è il quadro delineato dai dati della pandemia sul sito della Regione. Rimane stabile a uno il numero dei pazienti in intensiva e ancora per un giorno non sono state segnalate nuove vittime. Non viene segnalato alcun nuovo guarito e gli attualmente positivi sono ora 753, 67 in più del giorno precedente. I tamponi analizzati sono stati 1.424 e 2.853 i test antigenici, con un tasso di positività in rialzo all’1,56 per cento (era 0,6 nelle 24 ore precedenti). .

Thiago Motta, allenatore dello Spezia

Spezia, salgono a undici i calciatori positivi  

Lo Spezia Calcio comunica che l’ultimo giro di tamponi effettuati dal gruppo squadra ha evidenziato la positività al covid-19 di due calciatori. I due giocatori si sommano agli otto compagni di squadra risultati positivi ieri e al giocatore rimasto a Spezia perché positivo prima della partenza per il ritiro. Il club, dopo aver sospeso l’attività nel pomeriggio di ieri e questa mattina, ha ottenuto dall’Asl di Bolzano l’autorizzazione a svolgere sedute di allenamento individuale già da oggi pomeriggio.

Fuori dal calcio, l’incidenza media cumulativa negli ultimi sette giorni in Liguria si attesta a 19 casi di covid-19 ogni 100mila abitanti a livello regionale (25 in provincia della Spezia, l'area con tasso più elevato della regione), 19 in provincia di Imperia, 15 nell’area di Genova e 7 nel savonese), più bassa di due volte e mezzo rispetto al cut-off della zona bianca. .