Locali aperti a Arezzo a pranzo sabato 16 gennaio
Locali aperti a Arezzo a pranzo sabato 16 gennaio

Firenze, 16 gennaio 2021 - Toscana zona gialla per tutto il weekend 16-17 gennaio e anche per la prossima settimana. Soltanto venerdì 22 gennaio si capirà se i numeri sono lusighieri come oggi o se invece ci sarà un peggioramento della situazione. Coronavirus Italia, i dati delle regioni

Covid Toscana 16 gennaio, il bollettino e la diretta / La percentuale dei positivi sul totale dei tamponi in Toscana

Guardando il bicchiere mezzo pieno, se pur le probabilità sono nulle, ci potrebbe essere anche una promozione in zona bianca, quella in cui riaprirebbero tutte le attività commerciali compresi cinema e palestre. Ma l'rt e i parametri che servono per entrarci sono particolarmente severi. E per il momento la zona bianca rimane un'utopia per tutte le regioni italiane. 

Weekend con ristoranti aperti a pranzo

Per molti amanti dei locali e dello stare all'aria aperta questo è un bel weekend: in Toscana i ristoranti sono aperti, ma solo a pranzo. Alle 18 devono chiudere tutti i locali e i bar non possono neanche fare l'asporto. Peraltro, resta il coprifuoco dalle 22 alle 5 e dunque la sera la Toscana deve rimanere a casa. Ma durante il giorno ci si può, con moderazione, svagare. E i ristoranti che hanno deciso di aprire hanno registrato il tutto esaurito. 

Covid Umbria, il bollettino / Dpcm gennaio: tutte le informazioni

Palestre, cinema e teatri chiusi

Restano chiuse le palestre, i cinema e i teatri. Sono settori che ormai da mesi non possono accogliere persone. E il loro settore è in gravissima crisi. Solo in zona bianca questi luoghi pubblici possono riaprire. 

Lunedì 18 riapertura dei musei

In zona gialla possono riaprire i musei, ma solo nei giorni di lavoro. E lunedì diverse strutture tornano ad accogliere i visitatori. Un momento molto importante in Toscana, terra di storia e arte. 

Covid Toscana, dati ok ma rischio zona arancione

In classe parte il piano "Scuole Sicure"

Archiviato il ritorno a scuola con la didattica in presenza al 50%, la Toscana si prepara ad affrontare un'altra settimana in zona gialla, importante per dare continuita' ai risultati raggiunti. Gli studenti delle scuole medie e inferiori sono tornati in classe l'8 gennaio mentre quelli delle superiori l'11. Il bilancio al momento appare positivo e il piano regionale predisposto per garantire il ritorno sui banchi in sicurezza sembra funzionare. Per questo motivo la Regione, nonostante la possibilita' del Governo di arrivare fino al 75%, conferma per la settimana prossima l'attivita' didattica in presenza e la capienza massima dei mezzi pubblici ancora al 50%. La novità di lunedì è la partenza a pieno regime dopo la prima sperimentazione di ieri in 12 istituti regionali, di 'Scuole Sicure', un programma di screening e monitoraggio della popolazione scolastica per evitare la nascita di focolai tra i banchi. E in prospettiva futura la Regione lavora per anticipare i tempi di vaccinazione dei docenti così da garantire una presenza in classe ancora piu' sicura e ridurre il rischio contagi.

L'appello: "Riaprite i circoli sociali"

«Ci auguriamo che Regione e Governo possano fare qualcosa per far riaprire al più presto i circoli sociali». Così le Amministrazioni comunali di Cavriglia e San Giovanni Valdarno, in provincia di Arezzo, i cui sindaci, rispettivamente Leonardo Degl'Innocenti o Sanni e Valentina Vadi, hanno inviato una lettera appello al governatore della Toscana Eugenio Giani. «Purtroppo i circoli sociali restano chiusi nonostante la regione Toscana sia tutt'oggi in zona gialla - sottolineano i due Comuni in una nota -, un vero problema che si aggiunge a quello di molti altri settori terribilmente penalizzati da questa epidemia. Perché se è vero che il contagio del Coronavirus va monitorato giorno dopo giorno, e che quindi è necessario mantenere tutte le misure di sicurezza possibili, è vero anche che è un'ingiustizia che i nostri circoli debbano continuare a restare chiusi».

Giani: "Toscana gialla anche con scuole aperte"

«La Toscana è zona gialla grazie ai toscani che hanno avuto una capacità di contenere il contagio con comportamenti virtuosi. Questa che terminiamo è la settimana in cui in Toscana non si è mai andati oltre la soglia dei 500 contagi al giorno. Per questo siamo zona gialla nonostante abbiamo, come primi tra le grandi regioni italiane, consentito il 50% di accesso nelle scuole secondarie superiori». Lo ha detto il presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani, a margine di un'iniziativa a Careggi.