Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
28 apr 2022

Il Quarto Stato è a Firenze, dal primo maggio in mostra a Palazzo Vecchio

Il celebre dipinto di Pellizza da Volpedo per due mesi nel Salone dei Cinquecento

28 apr 2022
featured image
L'arrivo dell'opera a Firenze
featured image
L'arrivo dell'opera a Firenze

Firenze, 28 aprile 2022 - L'opera è arrivata a Firenze, pronta a mettersi in mostra. "Il Quarto Stato entra in un monumento della cultura mondiale", ha detto l'assessore alla Cultura del Comune di Milano (ed ex assessore fiorentino) Tommaso Sacchi. Il celeberrimo dipinto di Giuseppe Pellizza da Volpedo, tra le opere più iconiche del Novecento, sarà esposto dal primo maggio al 30 giugno nel Salone dei Cinquecento a Palazzo Vecchio. L'inaugurazione è prevista per sabato 30 aprile alle 10.

“Firenze è onorata ed emozionata di ospitare per la prima volta nella storia un'opera simbolo universale dell'arte e della politica – aveva scritto ieri su Twitter il sindaco Dario Nardella - Non potevamo immaginare modo più degno per celebrare il primo maggio, festa del lavoro”. Oggi invece ha annunciato l'arrivo del dipinto: "All’alba di stamani Firenze ha dato il benvenuto a «Il Quarto Stato», l’enorme capolavoro di Giuseppe Pellizza da Volpedo, che dal primo maggio, per la Festa dei Lavoratori, sarà visibile nel Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio. Un’opera eccezionale. Simbolo delle lotte operaie".

L'arrivo dell'opera a Firenze
L'arrivo dell'opera a Firenze

Simbolica l'apertura della mostra nel giorno della festa dei lavoratori, dato che ai lavoratori è dedicato questo enorme dipinto alto due metri e 93 centimetri e lungo cinque metri e 45.

Lo spostamento dell'opera
Lo spostamento dell'opera
Lo spostamento dell'opera
Lo spostamento dell'opera
Lo spostamento dell'opera
Lo spostamento dell'opera
Lo spostamento dell'opera
Lo spostamento dell'opera
Lo spostamento dell'opera
Lo spostamento dell'opera
Lo spostamento dell'opera
Lo spostamento dell'opera
Lo spostamento dell'opera
Lo spostamento dell'opera
Lo spostamento dell'opera
Lo spostamento dell'opera
Lo spostamento dell'opera
Lo spostamento dell'opera
Lo spostamento dell'opera
Lo spostamento dell'opera
Lo spostamento dell'opera
Lo spostamento dell'opera
Lo spostamento dell'opera
Lo spostamento dell'opera
Lo spostamento dell'opera
Lo spostamento dell'opera
Lo spostamento dell'opera
Lo spostamento dell'opera
Lo spostamento dell'opera
Lo spostamento dell'opera
Lo spostamento dell'opera
Lo spostamento dell'opera
Lo spostamento dell'opera
Lo spostamento dell'opera
Lo spostamento dell'opera
Lo spostamento dell'opera
Lo spostamento dell'opera
Lo spostamento dell'opera
Lo spostamento dell'opera
Lo spostamento dell'opera
Lo spostamento dell'opera
Lo spostamento dell'opera
Lo spostamento dell'opera
Lo spostamento dell'opera
Lo spostamento dell'opera
Lo spostamento dell'opera
Lo spostamento dell'opera
Lo spostamento dell'opera
Lo spostamento dell'opera
Lo spostamento dell'opera
Lo spostamento dell'opera
Lo spostamento dell'opera
Lo spostamento dell'opera
Lo spostamento dell'opera
Lo spostamento dell'opera
Lo spostamento dell'opera
Lo spostamento dell'opera
Lo spostamento dell'opera
Lo spostamento dell'opera
Lo spostamento dell'opera
Lo spostamento dell'opera
Lo spostamento dell'opera
Lo spostamento dell'opera
Lo spostamento dell'opera
Lo spostamento dell'opera
Lo spostamento dell'opera
Lo spostamento dell'opera
Lo spostamento dell'opera
Lo spostamento dell'opera

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?