Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
26 dic 2021

Variante Omicron, sintomi e differenze con Delta

Come funziona la variante Omicron, quali sono i sintomi, le differenze con Delta e i vaccini più efficaci

26 dic 2021
This photograph taken on December 2, 2021, shows a syringe and a screen displaying the SARS-Cov-2 mains variants : Alpha, Beta, Delta, Gamma and Omicron, in Toulouse. (Photo by Lionel BONAVENTURE / AFP)
Covid e varianti
This photograph taken on December 2, 2021, shows a syringe and a screen displaying the SARS-Cov-2 mains variants : Alpha, Beta, Delta, Gamma and Omicron, in Toulouse. (Photo by Lionel BONAVENTURE / AFP)
Covid e varianti

Firenze, 26 dicembre 2021- La variante Omicron si sta diffondendo rapidamente anche in Italia. L’esistenza della nuova variante di Covid-19, denominata “Omicron”, appunto, è stata segnalata per la prima volta a novembre in Sudafrica. L'Organizzazione Mondiale della Sanità ha confermato la contagiosità di Omicron, in grado di raddoppiare i contagi in meno di 3 giorniPer fare un po’ di chiarezza, Cup solidale ha diffuso un utile documento reperibile qui

Leggi anche: Test covid antigenici, sierologici, molecolari: cosa sono e quando farli

Proprio la velocità di diffusione di Omicron fa sì che questa variante possa affermarsi nei prossimi mesi come dominante. Ad oggi non sono ancora emerse evidenze che l’infezione dovuta a Omicron causi una malattia più grave rispetto alle altre varianti Covid. Anzi, stando ai primi dati provenienti per lo più dal Sudafrica, Paese in cui si è originata la variante e dalla Gran Bretagna dove Omicron si sta rapidamente diffondendo, la sintomatologia della variante Omicron assomiglia più a quella di un raffreddore o un malanno di stagione.

I sintomi più comuni di Omicron

  • mal di testa
  • stanchezza
  • gola irritata
  • tosse secca
  • raffreddore
  • sudorazione notturna

 

Omicron, differenze con Delta

​Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, il rischio derivato dalla diffusione di Omicron è da considerarsi molto elevato, per via della diffusione di questa nuova variante di Covid a livello globale, che ha la potenzialità di diventare nei prossimi mesi quella dominante. Tuttavia, fa notare fin da subito l’OMS, non sono ancora emerse evidenze che l’infezione dovuta a Omicron causi una malattia più grave rispetto alle altre varianti Covid.

Anche i dati preliminari provenienti dal Sudafrica, Paese in cui si è originata la variante, mostrano in prevalenza una sintomatologia lieve, parzialmente riconducibile tuttavia alla diffusione nella fascia di popolazione più giovane, che tende in generale a essere meno a rischio anche quando contrae la malattia.

Stando alle rilevazioni fatte dai virologi e ai primi dati provenienti per lo più dalla Gran Bretagna la sintomatologia della variante Omicron assomiglia più a quella di un raffreddore. 

A differenza della variante Delta invece non si rileva in modo diffuso l'alterazione del gusto e dell'olfatto

Soprattutto a fare la differenza rispetto alle precedenti infezioni è che molte persone sono vaccinate e per questo sviluppano una sintomatologia lieve facilmente confondibile con un malanno di stagione. Per questo gli esperti raccomandano di non prendere sottogamba i sintomi e in caso di dubbio usare la massima prudenza rispettando le norme di distanziamento, igiene e uso della mascherina fino all'esito del tampone molecolare.

Le conseguenze di Omicron su vaccinati e non vaccinati

  • ​Alcuni studi preliminari, da prendere con la dovuta cautela in quanto condotti su un numero molto limitato di casi, hanno rilevato come il completamento del primo ciclo vaccinale offra una protezione limitata contro Omicron rispetto alle altre varianti del coronavirus.

    Dati molto più rassicuranti si riscontrano nei casi di persone vaccinate con la dose booster: in questo caso la copertura immunitaria sembra aumentare sensibilmente, come effetto della maggiore presenza di anticorpi e della reazione immunitaria dell’organismo alla variante di un virus già precedentemente affrontato.

    Omicron ha dimostrato inoltre una capacità superiore rispetto alle altre varianti Covid di ricontagiare persone già in precedenza guarite dal Covid-19: il tasso di ricontagi in Sudafrica è più che raddoppiato rispetto alla variante Delta, sebbene in ogni caso con sintomatologia più lieve rispetto al primo decorso della malattia.

​Alcuni studi preliminari, da prendere con la dovuta cautela in quanto condotti su un numero molto limitato di casi, hanno rilevato come il completamento del primo ciclo vaccinale offra una protezione limitata contro Omicron rispetto alle altre varianti del coronavirus.

Dati molto più rassicuranti si riscontrano nei casi di persone vaccinate con la dose booster: in questo caso la copertura immunitaria sembra aumentare sensibilmente, come effetto della maggiore presenza di anticorpi e della reazione immunitaria dell’organismo alla variante di un virus già precedentemente affrontato.

Omicron ha dimostrato inoltre una capacità superiore rispetto alle altre varianti Covid di ricontagiare persone già in precedenza guarite dal Covid-19: il tasso di ricontagi in Sudafrica è più che raddoppiato rispetto alla variante Delta, sebbene in ogni caso con sintomatologia più lieve rispetto al primo decorso della malattia.

Quali vaccini sono efficaci contro Omicron?

  • Quello che sappiamo è che dalle prime evidenze la copertura immunitaria da vaccino non sembrerebbe essere completamente efficace contro Omicron. Tuttavia i vaccini più diffusi a base di mRNA come Pfizer/BioNTech e Moderna mantengono un buon livello di protezione contro le forme gravi di COVID-19 e contro i decessi, soprattutto nel caso in cui si riceva una dose di richiamo. 

    Per questo l’OMS incoraggia a completare con la dose booster il ciclo vaccinale, indipendentemente dal tipo di vaccino a mRNA inoculato al richiamo.

Quello che sappiamo è che dalle prime evidenze la copertura immunitaria da vaccino non sembrerebbe essere completamente efficace contro Omicron. Tuttavia i vaccini più diffusi a base di mRNA come Pfizer/BioNTech e Moderna mantengono un buon livello di protezione contro le forme gravi di COVID-19 e contro i decessi, soprattutto nel caso in cui si riceva una dose di richiamo. 

Per questo l’OMS incoraggia a completare con la dose booster il ciclo vaccinale, indipendentemente dal tipo di vaccino a mRNA inoculato al richiamo.

 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?