Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
23 dic 2021
23 dic 2021

Covid, il Natale rovinato dei bambini toscani. Centinaia in isolamento, i dati

I casi aumentano, soprattutto tra i piccoli in età scolare. Oltre trecento i casi registrati il 23 dicembre 

23 dic 2021

Firenze, 23 dicembre 2021 - Verso metà ottobre, quando sembrava che il peggio del covid fosse passato, nessuno pensava che il Natale che avremmo trascorso sarebbe stato sotto l'incubo del covid. Eppure è così: la Toscana è nella morsa della variante omicron, con oltre 2700 contagi registrati per l'antivigilia di Natale, nella giornata del 23 dicembre.

Covid Toscana 23 dicembre, 2780 nuovi casi - Firenze e provincia, +846 casi

Quello che colpisce è l'altissimo numero di bambini contagiati. Sono stati 360 i piccoli tra gli 0 e gli 11 anni che sono stati colpiti dal covid e i cui contagi sono stati registrati proprio il 23 dicembre. Per loro sarà un Natale di isolamento. In diversi saranno in ospedale. I numeri degli ultimi giorni lo testimoniano. 

Raddoppiano in tutta Italia i ricoveri pediatrici per Covid e salgono del 96% in una sola settimana. Sono tutti bambini non vaccinati e tra i piccoli pazienti la metà ha genitori non vaccinati, emerge dal report degli ospedali sentinella di Fiaso, la Federeazione italiana aziende sanitarie ospedaliere: 45 casi di cui la maggioranza, cioè 32, fra i 0 e 4 anni; 5 fra i 5 e 12 abbi e 8 fra i 12 e i 18 anni. Il 22 dicembre i bambini colpiti in tutta la Toscana erano stati 236. 

Numeri che testimoniano come il loro Natale, un momento di gioia, sia completamente rovinato. Così come lo è per le loro famiglie. L'impatto di un bambino positivo sull'organizzazione familiare è sempre alto.

I numeri vengono ulteriormente confermati dall'osservazione dei dati sui contagi scolastici. I bambini delle elementari contagiati nella settimana 13-19 dicembre sono stati ben 851, contro i 301 che erano stati registrati un mese prima. In trenta giorni dunque c'è stato un più che raddoppio dei casi. 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?