Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella
Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella

Bologna, 26 gennaio 2021 - Numerosi studenti delle scuole medie parteciperanno, anche quest’anno, all’iniziativa "Cronisti in classe", mettendo alla prova le loro capacità di osservare e di raccontare la realtà sociale nella quale sono inseriti e di cui si preparano a diventare protagonisti. Nel complimentarmi con l’editore e con le redazioni de La Nazione, il Resto del Carlino e Il Giorno per averne assicurata l’organizzazione nonostante le difficoltà del momento, desidero rivolgere un augurio e un incoraggiamento particolarmente calorosi alle ragazze e ai ragazzi che si cimenteranno da "cronisti".

Cronisti in classe, a scuola come in redazione: si riparte

La pandemia ci ha costretto a rinunce e sacrifici che non potremo dimenticare. Gli studenti hanno pagato un prezzo alto per il rallentamento della scuola, sia in termini di formazione che di socialità. Il senso di responsabilità ci impone ancora di usare prudenza, di evitare comportamenti rischiosi per sé e per gli altri, fino a quando non raggiungeremo una diffusa immunità. Ma intanto si deve continuare a osservare, a porre e a farsi domande, a discutere, a studiare, a esprimerci dopo le necessarie riflessioni e il libero confronto.

L’iniziativa "Cronisti in classe" offre una positiva occasione per sentirsi parte di un impegno comune e per alzare lo sguardo verso il domani che vogliamo costruire. C’è bisogno di creatività, di intelligenza, di serietà, di altruismo. E’ di grande valore per la società che i giovani siano allenati a lavorare in squadra per il bene comune. L’esperienza del giornale in classe può contribuire a una crescita di consapevolezza e di responsabilità, integrando il progetto formativo e consentendo anche di scoprire nuovi talenti.