Incendio sul Monte Serra (foto Valtriani)
Incendio sul Monte Serra (foto Valtriani)

Firenze, 6 febbraio 2019 - Al primo posto della speciale clasifica de "I luoghi del cuore" stilata dal Fai (Fondo Ambiente Italiano) c'è il Monte Pisano, complesso nel quale domina il Monte Serra, devastato dagli incendi ma più vivo che mai nei cuori della gente.

Con oltre due milioni di voti e 6.412 Comuni coinvolti (l’80,6% dei Comuni italiani) il censimento promosso dal Fai in collaborazione con Intesa Sanpaolo chiude trionfalmente la nona edizione.

Piccole e grandi bellezze d’Italia da salvare perché in pericolo o fortemente compromesse, da proteggere perché in degrado o semplicemente da far conoscere perché poco note ai più. Quello che emerge è una preziosa mappatura spontanea di luoghi tanto diversi tra loro quanto amati, fatta di paesaggi e di palazzi storici, di chiese e di fiumi, di castelli e di borghi, di ville e di botteghe storiche, di giardini e di sentieri, che rende “visibile” il sentimento profondo che lega le persone ai territori dove vivono o dove hanno vissuto esperienze importanti della loro vita.

Puglia, Toscana, Sicilia e Lombardia sono state le regioni con il maggior numero di voti, i votanti - di età media 50 anni – sono stati al 59,5% donne e al 40,5 % uomini.

Al primo posto della classifica 2018, con il record assoluto di 114.670 voti, c’è il Monte Pisano nel territorio dei comuni di Calci e Vicopisano, colpito il 24 settembre scorso da un disastroso incendio doloso per opera di un piromane, che ne ha mandato in fumo oltre 1200 ettari, di cui 200 di coltivazioni, e che per miracolo ha risparmiato la Certosa di Calci, seconda classificata al censimento del 2014. Una tragedia che ha smosso gli animi di un territorio già molto sensibilizzato per “I Luoghi del Cuore”: grazie al passaparola lanciato dal Comitato Insieme per Monte Pisano, in poco più di due mesi è stato raggiunto questo incredibile risultato. I primi stanziamenti - circa 2 milioni di euro - sono stati utilizzati per le operazioni di spegnimento, il mantenimento delle squadre forestali e lo smaltimento dei rifiuti bruciati, ma i danni stimati ammontano a 15 milioni di euro e saranno necessari decenni per ottenere una piena rinaturalizzazione dell’area.

Per la cronaca al secondo posto con 83.138 voti c'è il fiume Oreto a Palermo, particolarmente inquinato per la presenza di numerosi scarichi fognari abusivi e perché viene spesso utilizzato come discarica a cielo aperto. Segue al terzo posto con 75.740 voti l’Antico Stabilimento termale a Porretta Terme (Bologna), alle pendici del Monte della Croce, lungo il greto del Rio Maggiore, in abbandono da vent’anni. Al quarto posto con 47.936 voti il Santuario della Madonna della Cornabusa a Sant’Omobono Terme (Bergamo), al quinto posto con 32.120 voti il Borgo di Rasiglia frazione montana di Foligno (Perugia).

LA CLASSIFICA DEI LUOGHI DEL CUORE DELLA TOSCANA

Dopo la presentazione al pubblico dei risultati, inizia la fase progettuale che tradizionalmente segue il censimento. I primi tre classificati, in qualità di vincitori, riceveranno un contributo di 50mila euro il primo, 40mila euro il secondo e 30mila euro il terzo, se ne avranno i requisiti e a fronte della presentazione di un progetto da concordare. Inoltre i referenti dei luoghi che hanno ottenuto almeno 2.000 voti potranno candidare al Fai, attraverso il bando che verrà lanciato a marzo 2019, una richiesta di restauro e valorizzazione, legata a progetti concreti, attuabili in tempi certi e dotati di un cofinanziamento che assicuri un sostegno reale dai territori di riferimento.

Come nelle edizioni scorse, Fai e Intesa Sanpaolo selezioneranno entro novembre i luoghi vincitori in collaborazione con i segretariati regionali del Ministero per i beni e le attività culturali. Il Fai si farà inoltre portavoce di tutte le segnalazioni ricevute e, anche attraverso l’azione capillare delle sue delegazioni presenti su territorio nazionale, solleciterà le istituzioni affinché diano attenzione ai luoghi, sensibilizzando in particolare i sindaci di tutti i 6.412 comuni coinvolti e le regioni.

LA TOSCANA - Nella top ten, al settimo posto, c'è anche la chiesa di San Francesco a Pisa; al 26esimo posto in Italia l'oratorio di San Bartolomeo a Prato, al 35° posto il Parterre di Pistoia, al 44° la Rocca di Ripafratta a San Giuliano Terme (Pisa).