Versilia
Versilia

Versilia, 25 ottobre 2021 -  «L’estate sta finendo" e "Il mare d’inverno" sono canzoni diventate modi di dire. Ritornelli nella memoria che non svaniscono: come la stagione turistica, che da Viareggio a Forte dei Marmi sembra non terminare più. Ci sono ancora stabilimenti balneari in attività, qua e là. Nelle ore più calde della settimana appena trascorsa sono rispuntati ombrelloni aperti, lettini, sdraio e turisti in costume a prendere l’ultimo sole del 2021. I più coraggiosi, in particolare gli stranieri, si tuffano ancora. Ai tedeschi che hanno già il ghiaccio nelle strade sembra di essere alle Canarie.


Grazie al meteo insolitamente benigno a fine ottobre, chi può si prende un’ulteriore rivincita sui lockdown e le zone rosse degli utlimi due anni. La maggior parte dei bagni aperti è a Viareggio, dove alle loro spalle c’è la grande città e quindi un numero maggiore di frequentatori. In Darsena apre il Bagno Giorgia col ristorante e i tavoli sotto le tende, in Passeggiata – tra gli altri – non si fermano il "Tucano", il "Buonamici", il "Maber". Maber ha anche una storia: il nome nasce da Manfredo Bertini, partigiano uccisio dai nazifascisti. Per aiutare la famiglia, nel dopoguerra il Comune donò una piccola concessione: è infatti il bagno più piccolo di tutta la Versilia. Oggi lo gestisce la famiglia di Margherita Zalaffi, l’ex olimpionica senese di scherma. Col marito Toni Tonini apre anche a dicembre, sole permettendo.

Sabato e domenica la Versilia ha visto arrivare tanta gente, per il weekend ma soprattutto dalla mattina alla sera. Il pendolarismo, anche da prima del Covid, porta milioni in bagni, hotel, bar, ristoranti, negozi. Ma è proprio il Covid che ha segnato la ripresa del turismo balneare. Le due stagioni 2018-19 erano andate maluccio. Con la paura e le limitazioni dei viaggi aerei è rinato il turismo di continuità, quel fenomeno che anche adesso sta facendo lavorare la Versilia. Ne è consapevole il presidente dei balneari viareggini, Pietro Guardi: "Dalle richieste sappiamo già che andrà bene anche l’estate 2022. La pandemia ha cambiato il modo di fare vacanza. Ora dobbiamo lanciare le strategie per fidelizzare la clientela nuova, e quella che non tornava da anni". Infatti, per varare dei progetti di promozione riservati agli italiani e agli europei vicini che si spostano in auto, l’Ambito turistico della Versilia s’è rivolto al presidente del Centro studi turistici di Firenze, il professor Alessandro Tortelli. La nuova parola d’ordine è fidelizzare e fare business da aprile a ottobre.

Tra i cambiamenti apportati dal Covid, che vivacizzano questa anticipata estate di San Martino, c’è anche il nuovo boom dell’edilizia. Metropoli e spostamenti sono diventati rischiosi, meglio prendersi la casetta al mare, magari con giardino. L’hanno fatto tanti lombardi e piemontesi che, potendo lavorare esclusivamente via computer, si sono trasferiti in Versilia dove la vita all’aria aperta appare più sicura. Per i ricconi, invece delle casette, ci sono le ville di Forte dei Marmi, cittadina che sta vivendo nuove principesche aperture di maison di moda, ristoranti, e gastronomie di rilievo internazionale. La crisi della pandemia ha colpito tutti. Ma la Versilia delle stelle, Michelin e non, è già ripartita col botto.