Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
4 lug 2022

Omicidio Willy, l'influencer Gabriele Bianchi: "L'omonimia mi sta creando tanti problemi"

La denuncia del cameriere toscano premiato da 'Forbes': "Instagram mi nega la spunta blu"

4 lug 2022
featured image
I due Gabriele Bianchi, a sinistra il condannato per l'omicidio a destra l'influencer
featured image
I due Gabriele Bianchi, a sinistra il condannato per l'omicidio a destra l'influencer

Firenze, 4 luglio 2022 - I fratelli Gabriele e Marco Bianchi sono stati condannati all'ergastolo per l'omicidio di Willy Monteiro Duarte. Dalla Toscana nel frattempo arriva la denuncia di un altro Gabriele Bianchi, cameriere nonché influencer recentemente premiato da 'Forbes' e consacrato tra i 5 nomi più influenti del food italiano: "La omonimia con quel Gabriele Bianchi mi sta creando tanti problemi". 

Stesso nome e cognome, ma ovviamente nessun legame tra i due. Eppure le conseguenze sul piano dell'immagine sui social non sono affatto marginali, per il 26enne originario di Cecina (Livorno).  "Per colpa di questa omonimia - spiega il toscano Gabriele Bianchi - sto subendo un danno d'immagine, per il quale non posso ovviamente nemmeno chiedere un risarcimento. Passino pure i messaggi di odio che mi sono arrivati negli ultimi mesi sui canali social, ma anche alcune occasioni lavorative sono state messe in discussione proprio a causa del mio nome. Basti pensare che mi sono visto negare la 'spunta blu' da Instagram proprio per il possibile rischio di confusione tra me e la persona imputata per l'omicidio del povero Willy Monteiro Duarte".  

"Da quando è accaduto quel terribile fatto - dichiara il cameriere-influencer toscano Gabriele Bianchi - ho ritrovato il mio nome accostato a quello di una persona che si è macchiata di un crimine atroce. Naturalmente ci vuol poco a capire che tra noi non c'è alcun legame, ma nel campo dei social anche una semplice omonimia può avere effetti deleteri sull'immagine di un personaggio pubblico. Ed è proprio ciò con cui sto lottando da mesi: messaggi con offese, potenziali opportunità di lavoro sfumate per il rischio di legarsi a questo nome, e via così. Il danno non è quantificabile tanto in termini economici, quanto piuttosto sul versante degli haters".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?