Family day 2015 (Ansa)
Family day 2015 (Ansa)

Firenze, 30 gennaio 2016 - Dovrebbero essere diverse migliaia i toscani che nella giornata di oggi parteciperanno al Family Day di Roma, la manifestazione in difesa della famiglia tradizionale e contro la legge sulle unioni civili. Diversi i comitati "Difendiamo i nostri figli" nati anche in Toscana. Pullman partiranno da Pisa e Arezzo, mentre diversi i bus che prenderanno la strada di Roma anche da Firenze e provincia, oltre che dalla zona del Cuoio. Una manifestazione, quella capitolina, che porta con sé inevitabili polemiche, già sorte nei giorni scorsi quando a manifestare furono invece i sostenitori delle unioni civili in tutte le piazze d'Italia, con l'hashtag #svegliatitalia. Come scrive il sito di "Toscana Oggi", pullman verso Roma sono stati allestiti nel capoluogo fiorentino ma anche a Scandicci e nel Mugello. In tutto sono circa 2500 coloro che sono partiti solo dalla provincia di Firenze.

La maggior parte dei pullman è organizzata dalle Sentinelle in piedi dei vari comuni ma anche dai gruppi diocesani. C'è chi invece ha scelto il treno, e raggiungerà la Capitale in mattinata. "Priorità e sostegno alla famiglia tradizionale" ha chiesto nel presentare il viaggio toscano a Roma Filippo Fiani, del comitato "Difendiamo i nostri figli", in un video su Facebook. Il duello pro e contro il Family Day viene rinvigorito dall'iniziativa promossa dai grandi magazzini Ikea in tutta Italia e anche nelle sedi di Sesto Fiorentino e Pisa. Nella giornata di sabato Ikea chiede un bacio per ogni famiglia, "comunque la si intenda"