Firenze, 18 febbraio 2021 - Sono 956 i nuovi casi di coronavirus registrati in Toscana giovedì 18 febbraio. Numeri che non venivano raggiunti da oltre due mesi, per la precisione l'ultima volta in cui i casi erano stati più di 956 era accaduto a inizio dicembre. Il virus dunque circola ancora e il balzo dei nuovi positivi è importante.

Covid Toscana, variante inglese presente in un campione su 3 - LEGGI

Nella giornata di mercoledì 17 febbraio i nuovi positivi erano stati 773. Salgono anche i ricoveri e le persone entrate in terapie intensive. Si contano undici decessi. Il bollettino completo sul coronavirus in Toscana del 18 febbraio

Il Molise invia a Grosseto due pazienti in terapia intensiva

Scarseggiano i posti di terapia intensiva in Molise. La Toscana viene in aiuto: due pazienti sono stati trasferiti in eliambulanza da Campobasso a Grosseto - LEGGI L'ARTICOLO

Giani aveva anticipato i dati

I nuovi positivi al Covid in Toscana erano stati anticipati dal presidente della Regione Eugenio Giani su Facebook. 21.027 i test effettuati di cui 12.902 tamponi molecolari e 8.125 test rapidi, con un tasso dei nuovi positivi del 4,55% (8,5% sulle prime diagnosi). Il dato dei nuovi casi è più alto di ieri (erano 773), con una sostanziale stabilità dei test (erano 20.725), per cui si osserva un innalzamento del tasso dei positivi (era del 3,73%).

Tra i casi di ieri invece 13 sono stati scoperti tra gli allievi di una scuola di Monteroni d'Arbia, in provincia di Siena: tra questi uno sarebbe stato colpito dalla variante brasiliana. Intanto la Regione ha potenziato la centrale regionale InfoCovid alla Fortezza da Basso di Firenze: quaranta le linee telefoniche per dare indicazioni e sostegno a tutti i cittadini, con giovani addetti che daranno risposte su vaccini ed emergenza sanitaria. / Bollettino covid Toscana, leggi tutti i numeri

Variante brasiliana in una scuola del Senese

Decisa "la chiusura immediata" di tutte le scuole di ogni ordine e grado a Monteroni d'Arbia, paese a pochi chilometri da Siena, dal sindaco Gabriele Berni, in seguito alla presenza di casi di positivita' alla variante brasiliana del coronavirus, di cui e' stato informato questa mattina. Nell'ordinanza e' stata decisa anche l'interruzione delle attivita' sportive di gruppo

"Vaccini, sì acquisto autonomo ma occhio ai faccendieri"

«Sono assolutamente favorevole» all'acquisto in autonomia di vaccini anti- Covid «laddove sia possibile», ma «ad oggi, dopo un mese che se ne parla, non ho visto nulla di concreto. Anzi, ho visto indagini su faccendieri che su questo gioco del mercato parallelo dei vaccini si stanno azionando». Lo ha affermato Eugenio Giani, presidente della Regione Toscana, alla presentazione del servizio InfoCovid.

In rsa una nuova stanza degli abbracci

«Abbraccio: il coraggio di staccare un pezzo di sé e donarlo agli altri». È la scritta che si legge sulla struttura mobile, con due coppie di oblò a forma di cuore, che è stata installata nella Residenza sanitaria assistenziale 'Santa Maria Assunta' di Santa Maria del Giudice (Lucca), per rendere finalmente possibile un contatto in sicurezza tra gli ospiti ed i loro cari.

"In Toscana siamo al 100% di tracciamento"

"Cinquecento giovani tracciatori complessivamente hanno permesso alla Toscana di arrivare al 100 per cento di tracciamento: la regione è al 13esimo posto per indici reali di letalità, presenza nelle terapie intensive e nei reparti Covid. Siamo tra le regioni più virtuose, la situazione migliore tra tutte le realtà del centro nord". Lo ha detto il presidente della Toscana, Eugenio Giani, parlando all'Infocovid di Firenze.

Info covid al telefono, ecco il numero

Informazione sulla campagna di vaccinazione, sistema innovativo di assistenza al cittadino, orientamento sulle tematiche covid. Infocovid è il nuovo servizio regionale -  Numero Infocovid 055 / 9077777-  che nel suo primo giorno di attività, ha registrato circa mille telefonate. Rinnovato e potenziato con l’integrazione di 79 studenti  delle facoltà di medicina o corsi delle professioni sanitarie, il servizio è a disposizione di tutti i toscani per informazioni su vaccini, tamponi, quarantene; il call center è attivo tutti i giorni dalle 9 alle 16.

Le anticipazioni di Giani

I dati erano stati anticipati come di consueto dal presidente della Regione Eugenio Giani su Facebook. I tamponi in 24 ore hanno toccato quota 20mila tra quelli molecolari e quelli rapidi. Il tasso di positività sui primi tamponi risale e tocca il 7.6%. E' un dato che fluttua di giorno in giorno (ieri era al 5,9%).

Coppia sposata da 79 anni sconfigge il covid: la storia

"Febbre e dolori con il vaccino AstraZeneca? Effetto normale"

Giani: "Con l'estate le cose miglioreranno"

"Con l'estate le cose miglioreranno, ci sarà una minore diffusione del covid". Lo dice il presidente della Regione Eugenio Giani parlando del contagio da coronavirus in Toscana. La curva scende, anche se in maniera irregolare. La situazione in tutta la regione resta incerta, anche alla luce delle varianti del covid che preoccupano per la maggior facilità di contagio. Rileggi la diretta del giorno prima

Nella giornata di martedì 16 febbraio i nuovi casi sono stati 444, con un calo del tasso di positività, ovvero dei positivi sui primi tamponi effettuati. Nella giornata di martedì si sono contati in Toscana anche 15 decessi.

image

Anticorpi monoclonali, la svolta: "Neutralizzano anche le varianti"

Covid, Galli: "Reparto invasi da varianti, presto problemi seri"

Giani: "Si tratta di resistere 2-3 mesi"

«Abbiamo superato la metà di febbraio, proprio i giorni in cui l'anno scorso conoscemmo il Coronavirus e vivemmo momenti di lockdown totale fino al caldo di fine aprile-inizio maggio che ci portò in una nuova fase. Quindi lo dico a tutti, soprattutto ai giovani che si manifestano insofferenti, si tratta di resistere questi due mesi e mezzo o tre». Lo ha detto il presidente della Regione Eugenio Giani. 

Over 80: Loredana la prima vaccinata in Toscana

Proseguono le vaccinazioni

Sono state superate le 200mila vaccinazioni in Toscana. Proseguono le somministrazioni alle varie categorie ammesse: si completa la prima fase delle vaccinazioni, quella ai sanitari, mentre è nel pieno la vaccinazione a insegnanti e forze armate in età tra i 18 e i 55 anni e agli over 80, per i quali saranno i medici di famiglia a contattare i singoli pazienti. 

Covid Toscana, rischio arancione anche a marzo

Screening a scuola

Sono 13 mila i tamponi rapidi per rilevare la presenza del Coronavirus che sono stati donati dalla Fondazione Cr Firenze ai Comuni della zona fiorentina Nord Ovest, che comprende i territori di Calenzano, Campi Bisenzio, Lastra a Signa, Scandicci, Sesto Fiorentino, Signa e Vaglia. Scopo della donazione, quello di potenziare il tracciamento dei contagi nelle scuole, dai nidi fino alle secondarie di secondo grado, per un totale di circa 25 mila alunni tra istituti pubblici e privati.

Continuano a preoccupare le varianti

Le varianti del covid, maggiormente contagiose, preoccupano anche in Toscana. Lo sottolinea l'Agenzia regionale di sanità, che prevede una zona arancione mantenuta in Toscana per circa un mese. 

L'isola del Giglio torna a essere Covid-free

Il Giglio torna ad essere un territorio Covid-free. «Una buona notizia che rasserena il comune e che arriva durante un periodo di grande criticità per la Toscana e per l'intero Paese - ha detto il sindaco Sergio Ortelli - La ragazza asintomatica residente, che ha contratto il contagio fuori dal territorio gigliese, è adesso negativa.

Terapie intensive, in 4 regioni situazione complessa

Sono quattro le Regioni e le Province autonome italiane che superano la soglia del 30% di occupazione dei posti letto per pazienti Covid, definita 'critica' dal ministero della Salute. Il dato più preoccupante arriva dall'Umbria con il 60%, seguito da Friuli Venezia Giulia che si attesta al 35%, Provincia autonoma di Bolzano con il 40%, e Marche al 34%. E' quanto emerge dagli ultimi dati, aggiornati a ieri sera, dell'Agenzia per i servizi sanitari (Agenas), che registrano un dato nazionale medio, piuttosto stabile da giorni, al 24%.

Siena, partiti vaccini per over 80

È partita martedì 16 febbraio la vaccinazione delle persone ultraottantenni in provincia di Siena. Al centro medico Arca sono state sei le persone a ricevere la somministrazione, le prime in Toscana della fase che coinvolgerà gli over 80. Presente per questo l'assessore al Diritto alla salute e Sanità della Regione, Simone Bezzini. "L'idea alla base dell'accordo con i medici di medicina generale - ha detto l'assessore Bezzini - è quella di offrire più canali di vaccinazione, accanto a quelli attivati dalle Aziende sanitarie sul territorio, per diversificare l'offerta a seconda dei destinatari e raggiungere più persone possibile. Le dosi per ora sono in numero moderato, ma quando arriveranno in quantità maggiori avremo una rete rodata e pronta a eseguire decine di migliaia di vaccinazioni ogni giorno in tutta la regione''.