Isola del Giglio, faro di Capel rosso: 2 esemplari della Scuola italiani cani salvataggio
Isola del Giglio, faro di Capel rosso: 2 esemplari della Scuola italiani cani salvataggio

Firenze, 13 aprile 2018 - Ad amare gli animali si impara da piccoli. Prima in famiglia, poi a scuola. Per questo ben vengano tutte quelle iniziative che cercano di sensibilizzare i bambini al rispetto verso gli animali e verso la natura. Al rispetto per tutti gli esseri viventi. Perché sappiamo bene che chi non ha rispetto per gli animali molto spesso non lo ha nemmeno per gli esseri umani, e che la crudeltà sugli animali molte volte (ci sono studiosi che si occupano proprio di questo fenomeno che si chiama Link) « è tirocinio della crudeltà contro gli uomini». E questo lo ha detto parecchi ma parecchi secoli fa Publio Ovidio Nasone. Scusate se è poco.

Dunque, torniamo alle iniziative. La Scuola Italiana Cani Salvataggio (la più grande organizzazione europea dedita alla formazione di cani da salvataggio nautico e dei loro conduttori, che fa attività di volontariato di Protezione Civile, che può essere svolta da chiunque possieda un cane dalle caratteristiche adatte) ha lanciato un bellissimo concorso rivolto ai bambini delle scuole primarie di tutta la Toscana. Si chiama “Progetto faro”, è legato al faro di Capel Rosso all’isola del Giglio e ha lo scopo, spiegano gli organizzatori, «di promuovere la cittadinanza attiva, la convivenza civile, sociale e solidale per contribuire alla formazione della persona e alla crescita umana e civile. Il progetto ha l’intento di sensibilizzare i bambini e le bambine delle scuole primarie toscane al tema della solidarietà, per diffondere una cultura cinofila in cui il cane possa essere compreso come soggetto indispensabile e complementare all’uomo e ha lo scopo di insegnare ai bambini come vivere il mare».

La classe vincitrice avrà la possibilità di partecipare gratuitamente alle attività che verranno svolte dalla SCS Firenze (la sezione di riferimento per la Toscana della Scuola Italiana Cani Salvataggio) durante l’evento organizzato all’isola del Giglio dal 4 al 6 giugno 2018: qui i bambini parteciperanno a varie attività tra le quali il laboratorio didattico all’interno del faro Capel rosso, attività presso la spiaggia di Campese con cani bagnino e uscite in barca.

Ma come  si partecipa al concorso? Ce lo spiega Salvo Gennaro, presidente SCS Firenze. «Il concorso ha già avuto il patrocinio di Regione Toscana, Ufficio scolastico regionale Toscana, Comune Isola del Giglio e Parco nazionale arcipelago toscano. Ogni gruppo/classe presenterà un elaborato in formato digitale che tratti l’ambiente mare, la conoscenza e il rispetto, l’altruismo e la solidarietà, i cani e l’impiego nella sicurezza in mare, i fari, storia e salvaguardia (per esempio raccolta di foto, rappresentazioni, storie, produzione di favole e racconti, realizzazione di un video, etc.). Gli elaborati dovranno arrivare entro il 30 aprile prossimo con le seguenti modalità. In formato cartaceo: con qualunque forma di spedizione, al seguente indirizzo: “Scuola Cani Salvataggio – Firenze” via Fra Bartolomeo, 23 – 50132 Firenze” (c/o Studio Legale Avv. Duro Coroni). La comunicazione dovrà indicare il nome e l’indirizzo della scuola, un recapito telefonico e il nome e il contatto di un insegnante referente, un indirizzo email. Gli elaborati dovranno indicare il nome degli autori, la classe e la scuola. In formato elettronico: l’elaborato dovrà pervenire all’indirizzo email info@canisalvataggio.net. L’email dovrà contenere in allegato un file con i nomi degli autori, la classe e la scuola; nella comunicazione va inserito il nome e l’indirizzo della scuola, un recapito telefonico, il nome e il contatto di un insegnante referente. I lavori con i dati illeggibili non verranno presi in esame». «La Giuria - dice ancora Gennaro - sarà composta da 5 persone, di cui un presidente e 4 componenti, che selezioneranno i lavori che risulteranno migliori, a loro insindacabile giudizio. I vincitori saranno informati via mail, tramite la scuola, entro il 15 maggio». Informazioni: info@canisalvataggio.net; www.canisalvataggio.net