Le anfore ritrovate (foto Guardia di finanza)
Le anfore ritrovate (foto Guardia di finanza)

Livorno, 24 maggio 2019 - Scoperte in un vecchio magazzino a Livorno quindici anfore antiche, risalenti anche al quarto secolo avanti Cristo. Il ritrovamento è avvenuto nei giorni scorsi quando un cittadino livornese, mentre era intento a ripulire un vecchio magazzino di famiglia inutilizzato da tempo, ha trovato, sotto vecchi attrezzi e reti da pesca del padre defunto, le anfore millenarie.

Ne dà notizia la guardia di finanza a cui è stato subito segnalato il ritrovamento e che ha preso in consegna i reperti e informato la Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Pisa e Livorno, per permetterne la classificazione.

I reperti risalirebbero al periodo compreso tra il quarto secolo a.C. ed il quinto secolo d. C. Nel dettaglio, il gruppo di anfore, diverse fra loro per forma periodo, comprende tre greco-italiche antiche (datate fine IV-III secolo a.C.), due greco-italiche tarde (II - inizi I sec. a.C.), due Dressel 1 (fine II - I sec. a.C.), una Lamboglia 2 (fine II - fine I sec. a.C.), tre Dressel 2/4 (fine I a.C. - I sec. d.C.), una Dressel 12 betica (metà del I sec. a.C. - II sec. d.C.), due Dressel 20 betiche (I-III sec. d.C.), e una Africana II (II-V sec. d.C.) di produzione tunisina.

Le anfore, quasi tutte integre e in ottimo stato di conservazione, erano utilizzate in antichità per il trasporto via mare di vino, olio ed altre merci lungo le rotte commerciali che costeggiavano il litorale livornese. Considerata la diversa cronologia, ha spiegato l'archeologo che ha effettuato la datazione delle anfore, si tratta di una collezione composta da reperti provenienti da almeno cinque relitti diversi.