Firenze, 30 luglio 2021 - Apre la terza corsia dell'autostrada A1 fra Firenze Sud e Incisa (VIDEO). Il varo ufficiale in mattinata, ma dalle 6 la corsia era già percorribile da parte degli automobilisti. Una novità lungamente attesa, destinata a essere seguita a stretto giro da un'ulteriore inaugurazione. Autostrade promette a novembre l'apertura del lotto della galleria Antella fra Barberino e Calenzano. "In Toscana - spiega l'amministratore delegato di Autostrade Roberto Tomasi - abbiamo importantissimi investimenti, ne abbiamo in previsione 3,9 miliardi di cui una parte in realizzazione. A settembre partiremo anche col secondo lotto di completamento fino a Incisa e a novembre inaugureremo il lotto di completamento sulla Firenze Nord-Barberino. Prevediamo anche di iniziare i lavori a settembre di quest'anno sulla A11 da Firenze Peretola fino a Pistoia, che è un nodo altrettanto importante per lo sviluppo della regione". Tomasi risponde ai cronisti, a margine dell'evento, anche sui problemi di comunicazione legati ai recenti cantieri che hanno comportato un impatto importante sul traffico: "Quando ci sono i lavori è normale che ci siano disagi - fa professione di realismo Tomasi - dobbiamo essere capaci di dialogare con le istituzioni, coi cittadini e anche con la stampa. Non è vero che lavori così complessi si possano fare di notte o durante il lockdown o semplicemente quando l'utente non passa. Lavori di questo tipo si pianificano negli anni".

image

"Tenendo conto che il piano di ammodernamento infrastrutturale coinvolgerà il nostro Paese nei prossimi 10 anni ci vuole un'integrazione di condivisione su quello che stiamo facendo", aggiunge Tomasi. I cantieri di Autostrade brillano, intanto, per le condizioni di sempre maggiore sicurezza garantita a beneficio degli stessi operai impegnati. Un dato rimarcato con orgoglio dal presidente di Autostrade, Giuliano Mari: "La percentuale di infortuni- rileva- è in netto calo in tutti i nostri cantieri. È uno dei target fondamentali che dobbiamo raggiungere. Nel cantiere nel quale ci troviamo, vale la pena ricordarlo, non c'è stato nemmeno un incidente in 150 mila ore di lavoro nel 2020 e nel 2021".

image

Chilometri di coda sulla statale 69 del Val d'Arno

Intanto all'alba di oggi, 30 luglio, una coda di almeno 10 chilometri si è formata già dalla notte sulla statale 69 del Val d'Arno a poche ore dall'annunciata riapertura del tratto autostradale Firenze sud-Incisa. Molti i disagi, soprattutto per quanti stavano cercando di raggiungere l'aeroporto di Firenze per partire per le vacanze estive, rimasti imbottigliati per ore tra gli svincoli delle uscite obbligatorie e sulla statale. I lavori, in corso da tempo, sono praticamente finiti e la riapertura del tratto nei due sensi era previsto per le 6 di questa mattina ma l'anticipo delle partenze, favorito anche dal caldo di questi giorni, si è accavallato con un traffico di mezzi pesanti particolarmente intenso, in vista dei divieti annunciati per i prossimi giorni.Nella prima mattinata di oggi tre chilometri di incolonnamenti tra Valdarno e il casello di Incisa verso Firenze.