Gioia Mingrino, gioia di nome e di fatto
Gioia Mingrino, gioia di nome e di fatto

Pistoia, 13 marzo 2019 - Come contribuire a rendere indimenticabile il giorno più importante delle coppie. Uno splendido riconoscimento. La fotografa pistoiese Gioia Mingrino è stata insignita con il “Wedding Awards 2019” dal popolare sito internet Matrimonio.com per la categoria fotografia e video. Da sei anni a questa parte Matrimonio.com assegna i Wedding Awards per ben 18 categorie: premi all’eccellenza dei servizi offerti dalle aziende del settore nuziale in Italia, assegnati in virtù delle recensioni degli sposi che hanno scelto ed esaminato i professionisti che hanno contribuito all’organizzazione delle loro nozze.

Il riconoscimento viene attribuito al 5 per cento delle aziende con il maggior numero di recensioni e i punteggi più alti di ogni categoria tra più di 55mila, tenendo conto anche della continuità e qualità del servizio offerto. “I Wedding Awards non sono premi come gli altri: rappresentano l’attestato di un buon lavoro e del servizio prestato alle coppie in un’occasione in cui non sono ammessi errori”, fa sapere Nina Perez, Ceo di Matrimonio.com.

Per Gioia Mingrino si tratta della prima volta nella carriera. Nata a Pistoia 39 anni fa, 3 figli, Niccolò, Mariavittoria e Cristiano, e un compagno, Massimiliano, maestro di tennis, è fotografa di professione. “Condivido lo studio con Agostino Curto, fotografo videomaker, collega e amico – racconta, lasciando trasparire tutta la soddisfazione del momento –. Mi occupo solo ed esclusivamente di sposalizi, affiancando spesso i coniugi nella preparazione dell’evento, e di fotografia di dolce attesa, parto e primi giorni del neonato. Sono specializzata in questi settori perché per me la fotografia va oltre un bel volto o un pur stupendo scatto.

È qualcosa di vivo e pulsante, ove la tecnica non può bastare se vuoi veramente cogliere l’essenza delle emozioni di chi ti sta affidando i propri momenti, i propri sentimenti più intimi. Il riconoscimento di Matrimonio.com? Sinceramente inaspettato, ma molto gratificante. Deve essere un punto di partenza per fare sempre meglio. Ho speso la mia vita per la fotografia: continuerò a farlo con sempre maggior entusiasmo”.

Gianluca Barni