Firenze, 29 ottobre 2020 -   Risale il numero dei positivi.  In Toscana infatti sono 38.958 i casi di positività al Coronavirus, 1.966 in più rispetto a ieri (1.647 identificati in corso di tracciamento e 319 da attività di screening). I nuovi casi sono il 5,3% in più rispetto al totale del giorno precedente. I guariti crescono del 2,6% e raggiungono quota 13.678 (35,1% dei casi totali). I tamponi eseguiti hanno raggiunto quota 1.056.864, 15.594 in più rispetto a ieri LEGGI L'ARTICOLO

 IL BOLLETTINO DEL 28 OTTOBRE

IL BOLLETTINO DEL 27 OTTOBRE

L'andamento della curva epidemica in Toscana

L'andamento della curva in Toscana

RIVEDI I DATI DI DOMENICA 

Andamento delle terapie intensive in percentuale sui casi attivi

Il grafico riportato qui sopra indica l'andamento delle terapie intensive in Toscana dall'inizio della pandemia: si vede chiaramente come a marzo (la parte sinistra della curva) si arrivò al 16% di ricoverati in terapia intensiva sul totale dei casi positivi attivi, adesso siano intorno allo 0,6%.

"La lotta al virus si vince nel territori, non in ospedale". Video

Intanto, fa  discutere il varo del nuovo Dpcm da parte del presidente del Consiglio, Conte, con ulteriori restrizioniNuovo Dpcm. Locali chiusi alle 18, aperti nei festivi

 LEGGI LA PERCENTUALE GIORNALIERA DEI POSITIVI SUI TAMPONI FATTI.

SEGUI LA NOSTRA DIRETTA

Azienda produce le confezioni per il vaccino anti Covid

Un'azienda - la Palladio Group, che in Italia opera anche a Pontedera - ha iniziato la produzione per le confezioni del vaccino anti Covid, ma non ha voluto rivelare esattamente per quale dei vari vaccini in sperimentazione sia al lavoro. QUI L'ARTICOLO

Perugia, migliora il cardinal Bassetti

Il cardinale Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia-Città della Pieve e presidente della Conferenza Episcopale Italiana, ha trascorso serenamente, nel suo appartamento in arcivescovado, la prima giornata da paziente positivo al Covid-19. Le sue condizioni generali di salute - fa sapere la Cei - sono in miglioramento e non destano preoccupazione. In queste ore stanno giungendo da tutta Italia numerosi attestati di affetto e vicinanza umana e spirituale al cardinale, che ringrazia assicurando a tutti «un ricordo nella preghiera. In modo particolare a quanti, come lui, stanno vivendo questa difficile prova». L'invito è a «non rassegnarsi e a guardare con speranza alla Croce».

Terni, nuovi casi in carcere

Salgono a 66, rispetto ai 60 di ieri, i detenuti del carcere di Terni positivi al coronavirus. Il dato è stato aggiornato dopo i risultati emersi da un'ulteriore serie di tamponi. Sono invece 150 gli ospiti dell'istituto che nei prossimi giorni verranno sottoposti ai test. Non si conoscono ancora i risultati dei tamponi sul personale della struttura.

Grosseto, l'ospedale aumenta i posti, anche di intensiva

L'ospedale Misericordia rafforza la sua risposta anti Covid. Il blocco Covid, cioè malattie infettive e pneumologia, potrà passare da 18 a 92 posti letto che saranno attivati in meno di 15 giorni. La terapia intensiva è già raddoppiata passando da 8 a 16. Al Misericordia si sta quindi lavorando a una riorganizzazione che determinerà una nuova modulazione sia delle aree chirurgiche che delle attività non Covid.

Boom di casi nell'Aretino, la situazione nella Toscana Sud Est

Sono 302 i nuovi positivi registrati nelle ultime 24 ore in provincia di Arezzo, mentre Siena e Grosseto contano una settantina di casi ciascuna. Aumentano i ricoveri. QUI L'ARTICOLO

Bando per gli alberghi sanitari

L’Azienda USL Toscana nord ovest cerca alberghi sanitari per accogliere soggetti positivi al covid. Sul sito istituzionale dell’Ausl è stato pubblicato l’avviso pubblico che invita le strutture alberghiere interessate a manifestare la propria disponibilità entro il prossimo 11 novembre.

L’Ausl Toscana nord ovest ha necessità di attivare sui territori delle province di Massa Carrara, Lucca, Pisa e Livorno alberghi sanitari che potranno mettere a disposizione, sin dal mese di novembre e comunque il prima possibile, la totalità delle proprie camere (minimo otto). Le camere devono essere individuali e con bagno personale.

Le camere saranno destinate a pazienti Covid provenienti dagli ospedali in dimissione protetta, cioè clinicamente guariti ma ancora potenzialmente contagiosi, oppure a positivi asintomatici o paucisintomatici per i quali non è appropriato il ricovero in ospedale e che non dispongono di una casa adeguata ad ospitarli in sicurezza. Negli alberghi sanitari possono anche essere ospitati contatti stretti di casi positivi qualora non sia possibile garantirne l’isolamento adeguato a casa.

La situazione della Toscana Nord Ovest

Tra le province di Livorno, Pisa, Massa Carrara e Lucca ci sono altri 523 positivi registrati nelle ultime 24 ore e cinque decessi. Stabili le terapie intensive nella zona Asl Toscana Nord Ovest. QUI L'ARTICOLO

Pistoia, l'ospedale San Jacopo riorganizzato per accogliere i pazienti Covid

A Pistoia l'ospedale San Jacopo è stato riorganizzato per accogliere i pazienti positivi al Covid-19. QUI L'ARTICOLO

I medici di famiglia: "A breve faremo i tamponi"  

Alessio Nastruzzi, segretario generale della Federazione italiana medici di medicina generale della Toscana: “Serve più personale, infermieri che ci aiutino e giovani colleghi che possano essere messi a disposizione” LEGGI L'ARTICOLO 
 

Dcpm, l'Anci: "Bar aperti e circoli chiusi. Disparità punitiva"

«La recente circolare del ministero degli Interni ha chiuso i 1250 circoli Arci della Toscana e le centinaia di sedi associative di Acli, Endas, Mcl, Aics, persino i baretti degli oratori. Una chiusura inspiegabile e punitiva, visto che i bar commerciali restano aperti». Così il presidente di Anci Toscana e sindaco di Prato Matteo Biffoni, a cui in queste ore si sono rivolti tanti sindaci dei territori, che lancia un appello al Governo. L'ARTICOLO

Negli ospedali la conta dei (pochi) posti liberi

Cresce l’affanno degli ospedali toscani mentre il Coronavirus accelera. I posti letto in più possono essere ricavati modificando l’assetto dei reparti, ma bisogna farlo in tempi brevissimi. E il sistema sanitario ha mandato i primi campanelli d’allarme: lunghe attese, ambulanze in coda ai pronto soccorso, pazienti trasferiti da una città all’altra. Nei giorni scorsi, inaugurando il padiglione Covid di Careggi il presidente della Regione Giani, aveva annunciato il raggiungimento di 550 posti di terapia intensiva in Toscana di cui circa 155 per i Covid, e ieri ha parlato di arrivare anche a 700 : 130 sono già occupati. Nei non intensivi Covid i posti letto sono 955 di cui 877 occupati. "Il numero dei posti letto – spiegano in Regione – è in continuo aggiornamento. Può aumentare o diminuire tenendo conto del trend del contagio". L'ARTICOLO

Giani: "Ristorazione, se i numeri migliorano possiamo modificare l'orario di chiusura"

Il presidente della Toscana ha sarà il primo a impegnarsi per "modificare le misure che sospendono la ristorazione dopo le ore 18". LEGGI L'ARTICOLO
 

Pontedera, l'ospedale riapre il reparto Covid

Il reparto Covid dell'ospedale Lotti di Pontedera - 24 posti, di cui quattro in terapia intensiva - è stato riaperto. QUI L'ARTICOLO 

Toscana Nord Ovest, oltre cento guariti in un giorno

Sono più di cento i guariti in un giorno nella zona Asl Toscana Nord Ovest (Livorno, Lucca, Massa Carrara e Pisa) mentre i nuovi pisitivi sono 464. QUI L'ARTICOLO

Dpcm, Enzo Brogi (Corecom): "Cinema e teatri puniti in modo ingiusto" / VIDEO 

image

Scuola, firmata l'ordinanza: Dad al 75 per cento

E' stata firmata l'ordinanza annunciata ieri dal presidente della Toscana Eugenio Giani sulla scuola. Si ribadisce che fino al 24 novembre il ricorso alla didattica digitale integrata alle superiori dovrà essere pari al 75 per cento delle attività - la soglia minima prevista dal Dpcm del Governo - e che il 25 per cento residuo di didattica in presenza. garantito giornalmente, dovrà rivolgersi in prevalenza ed ove possibile agli studenti delle prime e ultime classi, che si preparano all'esame di maturità o che si sono appena affacciati al nuovo percorso di studi, e all'attività di laboratorio, che da remoto risulterebbe assai più complicata. L'ARTICOLO

Cura contro il virus, Prato apre una strada

Buoni risultati da una terapia sperimentale condotta dal professor Cantini su 12 pazienti del Santo Stefano. E negli Usa seguono l’esempio. LEGGI L'ARTICOLO

Lunga fila di ambulanze davanti al pronto soccorso di Pisa

Una lunga fila di ambulanze. Un'immagine choc che ha già fatto il giro del web. La foto è stata scattata la sera del 27 ottobre 2020 all'ingresso del Pronto soccorso di Pisa dove i mezzi di emergenza sostavano in attesa (anche 4 ore) di avere accesso. Tanti i pazienti sospetti Covid in coda che devono prima essere sottoposti al test per una diagnosi certa e poi essere smistati nei reparti ad hoc, tra cui il Covid Hospital. LEGGI L'ARTICOLO

Le cure costano fino a 20mila euro a paziente

Il conto è stato fatto con l’aiuto di medici, infermieri e sindacalisti impegnati nella lotta al virus. In intensiva, 1500-1600 al giorno. LEGGI L'ARTICOLO

Sesto Fiorentino: 12 decessi su 84 ospiti di una Rsa

L'Asl Toscana Centro fa il punto sullasituazione della Rsa San Giuseppe, con 82 ospiti positivi su 84 e 12 morti. LEGGI L'ARTICOLO

Il vescovo di Prato: "Evitare le messe nei cimiteri"

L'appello di Nerbini in vista delle ricorrenze di Tutti i Santi (1° novembre) e della commemorazione dei defunti (2 novembre). LEGGI L'ARTICOLO

Dpcm, i ristoratori a Massa Carrara: "Sì al mercato ma noi chiusi alle 18"

Il mercato settimanale a Massa si è svolto, come ogni martedì mattina, nel rispetto delle regole da parte degli ambulanti. Ma l'altra faccia del commercio, quello fisso, in particolare i ristoratori ed i titolari dei pubblici esercizi, protesta. "Ci costringono a chiudere alle sei, quando fra le bancarelle del mercato si creano, inevitabilmente, assembramenti", ci hanno detto alcuni esercenti del centro storico di Massa. La gente al mercato non era moltissima, stamani, forse anche per la paura del virus: ma, inevitabilmente, le pur poche persone si avvicinavano le une alle altre in prossimità delle bancarelle

Dpcm, il sindaco di Pisa: "Valuteremo il ricorso al Tar"

«Un ricorso al Tar contro l'ultimo Dpcm? Lo stiamo valutando, ma non è l'unica arma che i Comuni hanno a disposizione per modificare un provvedimento che, così com'è, rischia di penalizzare i pubblici esercizi». Lo ha detto il sindaco di Pisa, Michele Conti, intervenendo stamani a Radio 24, precisando però che «ci possono essere altre soluzioni capaci di garantire la sicurezza consentendo un orario di apertura più lungo ai locali». L'ARTICOLO

Tramvia, sospeso il servizio notturno fino alle 2 nei fine settimana

Dal 30 ottobre sarà sospeso a Firenze il servizio notturno della tramvia nel fine settimana: venerdì e sabato, quindi, i tram concluderanno le corse a mezzanotte e mezzo come gli altri giorni invece che alle 2. Il provvedimento è stato deciso alla luce dalle nuove disposizioni del Dpcm del 24 ottobre in materia di misure urgenti di contenimento del contagio da Covid-19. La sospensione, precisa una nota di Palazzo Vecchio, rimarrà in vigore fino a nuove disposizioni.

Empoli, due calciatori positivi

I casi, asintomatici, sono stati prontamente isolati secondo le direttive federali e ministeriali, con la società azzurra che ha prontamente avvisato le autorità sanitarie competenti. L'ARTICOLO

Prato, 72 migranti in quarantena

L'emergere di un caso di positività al Covid-19 in una struttura per richiedenti asilo ha portato al provvedimento di quarantena per tutti gli ospiti. LEGGI L'ARTICOLO

Lotta al Covid, la Regione Toscana riattiva le strutture di emergenza

Con una nuova ordinanza firmata stasera, il presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani, ha riconfermato e messo a punto l'organizzazione della struttura regionale per la gestione dell'emergenza sanitaria da covid-19.