Vaccino
Vaccino

Firenze, 25 luglio 2021 - Vuoi vedere che alla fine sarà ancora una volta la chiarezza a farci uscire dai guai? La chiarezza di una frase semplice, anzi semplicissima: «Gli appelli a non vaccinarsi sono appelli a morire. Oppure a far morire».

Una constatazione, quella di Mario Draghi, che nessuno che sia in buona fede potrà mai fraintendere o strumentalizzare. E la potenza di questa frase sta tutta qui: non si presta a interpretazioni. Niente a che fare con le mezze parole e le ambiguità dei cerchiobottisti di professione, di chi comunque ha da tenere buono il suo pubblico, la sua platea elettorale. «Io mi vaccino, però sono per la libertà di scelta».

«Il vaccino? Ne parlerò prima con il mio medico». «Il vaccino? Oggi no, domani forse ma dopodomani... sicuramente». «Il vaccino? Chiaramente siamo tutti cavie». E via così, con quello che non dice ma fa intravvedere il certificato, con l’altro che dice e però non fa, con quello che né dice né fa. Invece quando le situazioni sono complicate sentiamo tutti il bisogno di guardare lontano, là dove si intuisce il cielo sereno.

La comunità scientifica ha indicato nel vaccino lo strumento per superare la pandemia. Vanno bene e restano fondamentali - dicono gli esperti, e di qualcuno dovremo pur fidarci - le mascherine, va bene il distanziamento, ma il virus non lo sconfiggi senza il vaccino. I dati confermano questa impostazione: i vaccinati si ammalano molto meno e molto meno gravemente, inoltre sono allo studio ritrovati in grado di bloccare le varianti finora note. Questi sono i fatti, e i fatti rivelano che sono già più di 29 milioni gli italiani che hanno completato il ciclo vaccinale.

Oltre 64 milioni le inoculazioni compiute. Nel giorno in cui alcune - poche - piazze d’Italia si sono riempite di No vax e di No pass, alcuni decisamente maneschi, circa 600mila persone hanno raggiunto i 2.766 centri vaccinali per sottoporsi alla profilassi. Tutta gente che aveva prenotato tempo fa, quando il Green pass era soltanto una ipotesi. Persone che non vogliono morire. E che non vogliono far morire nessuno.