Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

"Ospedale San Donato, urgono concorsi per i ruoli vacanti"

I Popolari per Arezzo avanzano l’urgenza di attivarsi per garantire la qualità dei servizi e delle cure

Ultimo aggiornamento il 4 agosto 2018 alle 12:00
popolari

Arezzo, 4 agosto 2018 - Importanti reparti dell’ospedale San Donato giacciono senza dirigenza o con dirigenti ormai prossimi alla pensione, dunque occorre indire concorsi per coprire tutti i ruoli vacanti. A sostenerlo sono i Popolari per Arezzo che invitano l’Asl8 a completare gli organici del polo ospedaliero cittadino, con l’obiettivo di individuare primari in grado di mantenere elevata la qualità del servizio e delle cure mediche. La Chirurgia Generale, ad esempio, necessita di un nuovo responsabile, ma servono soluzioni anche per la guida dei reparti di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale. Quest’ultimo, sostenuto dal contributo volontario e gratuito di tanti donatori, rappresenta una struttura vitale per l’ospedale e deve dunque ricevere le massime attenzioni in termini di personale sanitario e strumentazioni, supportando l’ottimo lavoro svolto dagli attuali addetti. L’invito è dunque ad attivarsi per individuare dirigenti con comprovate esperienze professionali e, per riuscirvi, urgono concorsi per una selezione ampia e ben divulgata che possa portare al San Donato nuove risorse umane.

L’urgenza di sopperire alle carenze di organico medico e infermieristico rappresenta anche una risposta agli investimenti dei cittadini che, attraverso il Calcit, hanno donato strumentazioni all’avanguardia che devono trovare un utilizzo ottimale in termini di numero di prestazioni e di professionalità. In questo senso, la richiesta dei Popolari per Arezzo è di rendere noti i dati degli interventi di robotica eseguiti negli ultimi mesi nella chirurgia generale, per valutare il loro andamento nel corso degli anni. «La nostra richiesta - commenta Andrea Gallorini, presidente dei Popolari per Arezzo, - è di dimostrare una reale e proficua attenzione per le sostituzioni nei ruoli più importanti. Conosciamo la professionalità e lo spessore di chi lascia o ha lasciato il San Donato, dunque è basilare impegnarsi per un ricambio di pari livello umano e qualitativo».

Oltre alle carenze d’organico, i Popolari per Arezzo hanno ravvisato anche carenze strutturali dovute alla mancata manutenzione di alcuni locali (da infiltrazioni d’acqua piovana a piastrelle mancanti). Occorrono dunque interventi per garantire dignità e decoro a tutti gli ambienti dell’ospedale. Infine i Popolari per Arezzo sono critici nei confronti del modello organizzativo delle cosiddette Aree Vaste e richiedono un loro ripensamento, ricercando modelli più efficienti e più vicini al territorio e al controllo dei cittadini e dei loro rappresentanti diretti. «L’esperienza dell’Area Vasta - continua Gallorini, - dimostra che, in settori chiave come la sanità, le economie di scala non raggiungono i risultati auspicati ma servono solo ad allontanare il controllo, la disponibilità e la tempestività dei servizi. Chiediamo una seria e lungimirante riflessione per ristrutturare l’attuale sistema sanitario e renderlo più prossimo alle esigenze dei territori».

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.