Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Elezioni a Laterina Pergine. Trionfa Stefano Bellezza. Tonfo del Pd

Il candidato di "Futuro Comune" ha vinto con oltre il 50% dei voti. Clamorosa sconfitta di Simona Neri, sotto al 35%. Tutto sommato onorevole il risultato per Rossella Lattanzi.

di Marco Corsi
Ultimo aggiornamento il 30 luglio 2018 alle 01:19
Stefano Bellezza

Arezzo, 30 luglio 2018 - Il Partito Democratico, in provincia di Arezzo, continua la sua discesa, che sembra inarrestabile. L’ultimo campanello d’allarme arriva dal comune unico Laterina Pergine Valdarno, che ieri è andato alle urne per eleggere sindaco e consiglio comunale. Ebbene, a vincere con largo margine è stato il candidato della lista civica, ma di espirazione di centro destra, “Futuro Comune”. Stefano Bellezza ha addirittura superato il 50% dei consensi. Tonfo clamoroso del Pd e della sua candidata Simona Neri, sindaca uscente di Pergine, che non è riuscita nemmeno a raggiungere il 35% dei voti. Buon risultato, tutto sommato, per la lista a Sinistra, che aveva come candidata Rossella Lattanzi e ha superato il 12%.

Un vero e proprio terremoto, alimentato, probabilmente, anche dalla recente costituzione del comune unico, che ha lacerato non poco l’elettorato e diviso i cittadini. La squadra di Stefano Bellezza è composta da dodici elementi: Daniele Borri, Matteo Bruni, Alessia Di Gregorio, Ilaria Ghinazzi, Leonardo Guarducci, Massimo Lalli, Chiara Legnaiuoli, Jacopo Luman, Alberto Ricci, Marco Sacchetti, Barbara Sestini e Jacopo Tassini. Per quanto riguarda l’affluenza, si temeva un deciso astensionismo dovuto al periodo di vacanze. In realtà sono stati numerosi i cittadini che si sono recati alle urne. Ha votato infatti il 64,20% degli aventi diritto, 3.574 su 5.567. di cui 1.794 maschi e 1.780 femmine. La scelta di recarsi alle urne il 29 luglio non è stata programmata, ma obbligata. Il voto era infatti previsto inizialmente per il 10 giugno, ma la morte del candidato di sinistra Giovanni Lari, avvenuta 48 ore prima, ha costretto il Prefetto a rinviare le elezioni a questa domenica.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.