Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Gestione dei rifiuti: Sei Toscana passa dal commissariamento ai "tutori"

Deciso il nuovo regime dal Prefetto di Siena e dal presidente dell'anti-corruzione Raffaele Cantone (foto). Chi sono gli esperti che affiancheranno gli organi di amministrazione

Ultimo aggiornamento il 30 luglio 2018 alle 21:23
Raffaele Cantone (Imagoeconomia)

Arezzo, 30 luglio 2018 - Attivazione, per un periodo di 12 mesi, della misura del sostegno e monitoraggio dell'impresa, cosiddetta tutorship, in sostituzione dell'amministrazione straordinaria di Sei Toscana, il gestore unico dei rifiuti per le province di Siena, Arezzo e Grosseto. È quanto disposto con un decreto dal prefetto di Siena Armando Gradone in accordo con il presidente dell'Anac Raffaele Cantone.

Erano stati prefetto e presidente dell'Anticorruzione, nel marzo del 2017, a indicare la strada del commissariamento per Sei Toscana a seguito dell'inchiesta per turbativa d'asta e corruzione aperta dalla procura di Firenze sul presunto appalto truccato per la gestione dei rifiuti.

La tutorship giunge alla vigilia della scadenza della proroga del commissariamento e «prevede - spiega una nota della prefettura di Siena - la nomina di due esperti incaricati di affiancare gli organi di amministrazione ordinaria nello sviluppo operativo delle azioni indicate nel piano di interventi condiviso dai commissari prefettizi con il presidente e l'amministratore delegato di Sei».

I due esperti incaricati sono Salvatore Santucci, già commissario straordinario di Sei Toscana, e Massimo Paoluzi, generale della Guardia di finanza in pensione. «Il provvedimento è da accogliersi favorevolmente in quanto consente alla società di tornare ad una gestione ordinaria e quindi con prospettive più certe di sviluppo e di programmazione degli investimenti» sottolinea in una nota il presidente di Sei Toscana Leonardo Masi.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.