Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Reddito degli aretini ancora lievemente sotto il 2008 ma tra le città migliori

I 22.197 euro del 2016 ancora sotto il livello pre-crisi dello 0,14% ma in Toscana e in Italia è un risultato di tutto rispetto

Ultimo aggiornamento il 27 agosto 2018 alle 11:07
Un'operaia al lavoro (ImagoE)

Arezzo, 27 agosto 2018 - Gli aretini non hanno ancora raggiunto il reddito pre-crisi ma sono a un passo: dal 2008 li separa un gap di appena lo 0,14 per cento. Un risultato che non rientra nel top dei 17 capoluoghi di provincia già oltre i livelli dei tempi buoni ma che è tra i migliori sia in Italia che in Toscana. Lo scopre il Sole-24 Ore con una ricerca che ricostruisce e pone a confronto le denunce Irpef del 2009 (anno di reddito 2008) e del 2017 (anno di reddito 2016, le ultime disponibili). Bene, l'aretino medio dichiara 22.197 euro, che sono quasi appunto quanto denunciava nel 2009.

In Toscana fa meglio Lucca con oltre 23 mila euro che si migliora dell'1,6 rispetto al 2,8 ma non gli altri capoluoghi, da Siena che perde il 2,6 a Pistoia, Pisa e Livorno tutte intorno all'1 per cento di calo. Solo Firenze si mantiene sui livelli di Arezzo con una riduzione pressochè impercettebile. Vuol dire che la crisi è superata? Gli aretini non hanno questa percezione. Secondo un'altra ricerca, stavolta dell'Irpet, l'istituto di ricerca della Regione, solo il 7 per cento è convinto che la situazione economica sia migliora nel 2018 rispetto all'anno precedente. Il 49  per cento parla di stagnazione, il 44 addirittura di peggioramento.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.