Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
13 apr 2022

Allarme di Cna. "Molti lasciano il lavoro. Per le imprese problematico sostituirli"

L'sos lanciato da Aldo Cappetti. "I dipendenti dimissionari rischiano di creare una seria difficoltà all’interno dell’organizzazione aziendale".

13 apr 2022
featured image
Aldo Cappetti
featured image
Aldo Cappetti

Arezzo, 13 aprile 2022 - E' un vero e proprio grido di allarme quello lanciato dalla Cna di Arezzo. Aldo Cappetti, imprenditore valdarnese, a capo del settore industria, ha messo un tavolo una problematica di non poco conto. Un giovane alle prime esperienze lavorative entra in un’azienda di dimensioni medio piccole, impara i trucchi del mestiere, e poi migra verso altri lidi, di solito grandi brand. Nel comparto manifatturiero quella appena descritta sta diventando la regola e questo rischia di mettere in ginocchio tutto il settore. Cappetti è a capo di una impresa di pelletteria. “Solo nella mia azienda, in tre anni e mezzo è andato via l’undicesimo dipendente, ma il mio non è un caso isolato - ha detto - La formazione di un dipendente mi costa svariate migliaia di euro, sfortunatamente non posso godere dei frutti di tali sforzi perché, una volta acquisito il suo bagaglio di competenze, la persona decide – in maniera del tutto legittima, naturalmente – di prendere un’altra strada. Constato un po’ amaramente che, nella gran parte dei casi, al cambio di azienda non corrisponde chissà quale aumento salariale, anzi. Ma evidentemente il prestigio sulla carta intestata è un richiamo troppo forte”.

Quando "Berta filava" e la manifattura trainava l'economia aretina, la manodopera specializzata si trovava senza grossi problemi. Ma adesso che gli scenari sono cambiati, con la mancanza di operai diventata ormai cronica, i dipendenti dimissionari rischiano di creare una seria difficoltà all’interno dell’organizzazione aziendale: “Non voglio discutere le legittime aspirazioni di chi lavora al fianco di piccoli imprenditori, né ce l’ho con i grandi brand, il mio intento non è assolutamente polemico. Voglio semplicemente portare l’attenzione sul fatto che, molto spesso, questi marchi non sono nemmeno italiani, i nostri operai specializzati vanno a incrementare il pil di altre nazioni, mentre noi che lavoriamo nel Made in Italy ci troviamo in difficoltà, perché affrontare di nuovi i costi di formazione di una risorsa non è cosa da poco”, ha aggiunto Cappetti. La pandemia non è ancora finita e c'è una guerra in corso nel mezzo dell'Europa. Quindi gli investimenti, in questa particolare fase storica, devono essere oculati. Per questo Cappetti, a nome della categoria, ha lanciato il suo appello: “Posto che non si può mettere un freno ai sogni delle persone, chiediamo almeno che ci venga riconosciuto, in qualche forma, una sorta di indennizzo per ogni operaio da noi formato che decide di portare le proprie competenze altrove. Contributi per la formazione, altrimenti ci sono realtà che rischiano di chiudere e altre che vedranno il loro lavoro assottigliarsi sempre di più, con effetti a cascata su tutta l’economia del territorio”.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?